Rifiuti abbandonati in autostrada: 1 milione di euro per raccoglierli

Nel bilancio di Autovie Venete la voce “raccolta rifiuti” incide per 1 milione di euro al triennio

Sempre più rifiuti, sempre più incivili: nel triennio 2017-2019, i quantitativi di scarti indifferenziati conferiti nei cestini o abbandonati nelle aree e piazzole di sosta o, addirittura, gettati nelle scarpate sono aumentati a dismisura. Si parla di 311 tonnellate nel 2017, 321 nel 2018, 357 nel 2019. Un fenomeno che si accentua particolarmente nel fine settimana o durante gli esodi.

La raccolta

Nel 2019, per far fronte alla problematica, la Concessionaria autostradale ha implementato il servizio: 2 sono gli interventi di raccolta settimanali in A4 Venezia Est-Portogruaro, in A57, in A28 e in A34 e 1 sulle restanti tratte. Nel periodo estivo i giri di raccolta sono stati aumentati a 2 su tutta la rete per salire addirittura a 3 in occasione degli esodi.

I costi

Tradotto in costi, il servizio “pesa” nella casse della Società per circa 800 mila euro in un triennio. A questi si aggiungono ulteriori 200 mila euro all’anno per la pulizia di tutte le scarpate autostradali.

I rifiuti

Le tipologie di rifiuti sono le più diverse, da quelli urbani, che i cittadini portano qui anziché conferirli nei comuni di residenza, ai materiali ingombranti depositati da ditte private che hanno eletto l’autostrada a discarica”. Le tratte autostradali più critiche, sono la A28 (nodo di Portogruaro – Conegliano) e la A34 (Villesse – Gorizia), entrambe “crocevia” dei pendolari che, percorrendo il tragitto casa-lavoro, depositano nei cestini o a terra i rifiuti prodotti nelle abitazioni. La terza è la A4 dove il costante aumento del traffico pesante ha incrementato il fenomeno degli autotrasportatori dell’Est che si fermano nelle aree di sosta o nelle piazzole di emergenza per rispettare l’obbligatorio periodo di pausa dalla guida. Qui gli autisti mangiano, dormono, si lavano, le usano come toilette a cielo aperto. “Nell’area di Roncade e nel parcheggio scambiatore di Venezia Est, in particolare, dove c’è un continuo via vai di autocarri, pullman di turisti e furgoni dell’est Europa, troviamo sempre cumuli di immondizie. C’è chi, infatti, approfitta di una sosta in queste grandi aree per disfarsi dei rifiuti accumulati durante il lungo viaggio”, precisa Angelo Giardino.

Che fare?

Due sono le azioni e una integra l’altra: incrementare la sorveglianza (la sanzione amministrativa pecuniaria per chi sporca la strada o getta rifiuti dai veicoli in movimento va da 106 euro a 425 euro) e cercare di sensibilizzare le persone nei confronti dell’ambiente, ricordando che è un patrimonio di tutti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fvg con il fiato sospeso per il mini-lockdown, la lista dei comuni a rischio

  • Covid: 1197 contagi in un giorno e 13 nuovi decessi, è spettro zona rossa

  • Covid e bombole d'ossigeno, l’azienda friulana: «Non riceviamo ordini da mesi»

  • Nuova ordinanza della Regione, ecco cosa non si può più fare

  • Schianto lungo la strada regionale: perde la vita una donna

  • Il Friuli Venezia Giulia rischia la zona rossa

Torna su
UdineToday è in caricamento