La Net aumenta la bolletta. «Ve l'avevamo detto»: la protesta dell'opposizione

La Net ha dichiarato che ci saranno aumenti dovuti al comportamento degli incivili: per i consiglieri di opposizione la colpa è del servizio mal gestito

Rifiuti a Udine

La questione "porta a porta" non finisce di far discutere. Maggioranza e opposizione in consiglio comunale sono ancora profondamente divise sul giudizio rispetto al nuovo sistema di raccolta dei rifiuti. Quel che è certo, è che sentire ammettere dalla stessa Net che ci saranno dei rincari sulle bollette per via dei continui passaggi  degli addetti per raccogliere quello che alcuni cittadini non mettono negli appositi bidoncini, creando situazioni di degrado e sporcizia in diverse aree della città, ha riacceso la polemica.

La protesta: "Sacchi del verde dimenticati dalla Net"

Alessandro Venanzi

"Purtroppo incomincia ad emergere la verità, quella verità che dal novembre 2018 denunciamo in consiglio comunale: aumenteranno le bollette. Proponiamo da sempre, come alternativa a questo sistema di raccolta obsoleto è costoso, il cassonetto intelligente che porta in dote molteplici vantaggi: minori costi, maggiore efficienza, qualità della raccolta, tracciabilità nel conferimento. “Non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire" diceva quel detto. E a farne le spese saranno come sempre i cittadini udinesi".

Enrico Bertossi

"Che con il porta a porta voluto da Fontanini la Tari sarebbe aumentata vertiginosamente lo diciamo da tempo e la colpa non è dei cittadini, alcuni certamente da biasimare, ma di un servizio organizzato male e in modo antieconomico. Con il regolamento in vigore, che si sono dimenticati di modificare, qualsiasi cittadino udinese può legittimamente portare i propri rifiuti in qualsiasi cassonetto tra quelli rimasti. Se li trova pieni è costretto a lasciarli a terra, evidentemente. A questi si aggiungono i turisti dei rifiuti da fuori Udine contro i quali in oltre due anni nulla è stato fatto. Gli aumenti annunciati sono la diretta conseguenza di un servizio completamente sbagliato, progettato male e gestito peggio. E saranno salatissimi...".

Vincenzo Martines

"I cittadini non sono stati messi nelle condizioni di vivere senza confusioni questa imposizione che poteva essere gestita molto meglio. Con strumenti diversi. Isole ecologiche per le zone con grandi condomini per esempio, prima di riempire la città di bidoncini. La raccolta del Verde, altro esempio, è un disastro, in ritardo perché non c’è personale. Ma la colpa è dei cittadini meno rigorosi o maleducati, dice la NET. Una cosa è certa, la tariffa aumenterà e stanno già cercando le scusa per giustificare il fatto che non saremo più la seconda città con la tariffa meno cara d’Italia".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il ristorante non vuole chiudere e garantisce posti letto a prezzi stracciati

  • La Slovenia chiude nuovamente il confine con l'Italia, anche il Fvg è considerato zona rossa

  • Coronavirus, 334 contagi e tre morti: c'è anche una donna di 41 anni

  • Coronavirus, positivi alla Quiete, in ospedale a Palmanova, Udine e San Daniele

  • Fedriga e l'allarme Dpcm: "Spariranno migliaia di attività economiche"

  • Caffè, brioche, aperitivo e pizza tutto sullo stesso tavolo: la singolare protesta di un ristoratore udinese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento