Aumenti fino a 80 euro al mese per 13mila dipendenti pubblici regionali

Siglato il contratto a Trieste, che coinvolge personale di Regione, Comuni e Uti. Fedriga: «»

Siglato a Trieste, alla presenza del governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, e dell'assessore regionale alla Funzione pubblica, Sebastiano Callari, il contratto collettivo di comparto unico del personale non dirigente per il triennio 2016-18, recentemente approvato dalla Corte dei Conti, che coinvolge circa 13mila dipendenti e prevede aumenti compresi fra i 60 e gli 80 euro mensili.

Fedriga: «Giusto riconoscimento»

«Il personale è la vera plusvalenza per le amministrazioni pubbliche — ha commentato Fedriga, ringraziando Callari e la direzione regionale Funziona pubblica per l'ottimo lavoro svolto — ed è per questo che, con l'obiettivo primario di garantire il giusto riconoscimento a chi lavora, in fase di assestamento di bilancio siamo riusciti a reperire quelle risorse che non erano state originariamente previste. Pensiamo infatti — ha aggiunto il governatore — a valorizzare le professionalità interne al Comparto sotto ogni punto di vista, certamente quello economico, che è fondamentale, ma anche riconoscendo le capacità e utilizzandole adeguatamente».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Callari: «Traguardo raggiunto»

«Abbiamo affrontato le problematiche legate a questo contratto — ha spiegato Callari — con totale senso di responsabilità, andando a colmare con 3 milioni di euro, reperiti nelle pieghe del bilancio, quel gap negli aumenti (0,27 per cento) necessario per parificare gli stipendi di Regione ed Enti locali. Ci siamo trovati di fronte a una mancata previsione finanziaria da parte della Giunta precedente — ha aggiunto l'assessore — e, a norma, avremmo potuto riaprire la contrattazione. Invece, per venire incontro alle esigenze delle amministrazioni del territorio, già pesantemente penalizzate nella passata legislatura, e a quelle più che comprensibili del personale, la Giunta Fedriga ha identificato una soluzione straordinaria condivisa dalla Corte dei Conti che, in precedenza, aveva obiettato rispetto a un contratto privo delle coperture economiche richieste. Se il Comparto unico deve esistere — ha concluso Callari — la parificazione di trattamento è un traguardo che andava raggiunto. Ci siamo riusciti - ha concluso Callari e continueremo su questa strada anche in futuro».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rientro dalla Croazia, Fedriga apre ai tamponi al confine

  • Dalla grappa al gelato: il re friulano dei distillati realizza il suo sogno da 5 milioni di euro

  • Turismo, il Friuli Venezia Giulia è penultimo nella reputazione nazionale

  • Si rompe un appiglio e cade per cento metri: muore sul Monte Sernio un escursionista

  • Vacanze in Croazia, quello che si deve fare quando si rientra in Italia

  • Migranti, la rabbia del sindaco di Gonars: "Pago di tasca mia e li porto tutti a Palazzo Chigi"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento