rotate-mobile
asfaltatura / Via del Bon / Via Monzambano

"Pensavo fosse un marciapiede, invece era la fibra ottica"

Beffati i residenti in via Monzambano che, alla vista delle macchine asfaltatrici, hanno creduto fossero iniziati i lavori per la sistemazione della strada. Il vicesindaco con delega ai lavori pubblici Loris Michelini spiega: "Gli udinesi dovranno avere pazienza, ma la fibra è il futuro"

Questa mattina i residenti in via Monzambano a Udine si sono svegliati con la speranza che la loro attesa di vedere la strada sistemata fosse finalmente terminata. Invece, a quanto pare, per vedere un'asfaltatura nuova e i marciapiedi tanto attesi servirà ancora del tempo: i lavori in corso durante la giornata di oggi sono serviti solamente a rattoppare le buche realizzate per la posa della fibra ottica. «Open Fiber aveva completato le prime operazioni da tempo e ora ha potuto fare il resto», ha confermato il vicesindaco con delega ai lavori pubblici Loris Michelini, che ha aggiunto come sia stato lui ad introdurre in Comune un regolamento che obbliga le ditte a ripristinare il manto stradale "al meglio e com'era prima dell'intervento".

rattoppo

 «In questo modo il lavoro di rattoppo è a carico loro e se il Comune non è soddisfatto, per due anni può rifarsi sulla ditta», commenta Michelini. E il resto della strada? Non è questo il momento, evidentemente. «Loro sono tenuti a ripristinare solo i tratti interessati  dai lavori. Ma so che gli udinesi hanno pazienza, d'altronde la fibra è il futuro e con questa amministrazione ci siamo dati l'obiettivo di coprire tutta la città, in modo che sia per il pubblico, come le scuole, sia per i privati, ci sia la possibilità di collegarsi direttamente».

via monzambano

E pace per chi sperava di vedere finalmente messa a posto la via, che di problemi non ne ha certo pochi. Da una parte l'assenza di marciapiedi, dall'altra l'asfalto rovinato e assente. In mezzo l'annosa questione degli allagamenti ogni volta che piove un po' più che quattro gocce. «Qui tutti speravamo fossero venuti a fare i marciapiedi, finalmente», commentano i residenti un po' delusi. Non certo dalla fibra ottica, quanto piuttosto dal fatto che i pedoni e i ciclisti dovranno aspettare ancora per la loro incolumità. «Siamo tutti preoccupati dalla messa in sicurezza dei pedoni, che son costretti a camminare in mezzo alla strada senza i marciapiedi», concludono. 

monzambano

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Pensavo fosse un marciapiede, invece era la fibra ottica"

UdineToday è in caricamento