Aveva rubato in provincia di Udine per migliaia di euro, ladro arrestato in Germania

Un cittadino rumeno di 37 anni è stato arrestato in Germania: era stato condannato per reati predatori commessi a Udine e provincia nel 2008

Era destinatario di mandato di arresto europeo: un 37enne rumeno è stato trovato e arrestato in Germania dopo una serie di furti avvenuti in provincia di Udine nel 2008. 

L'arresto

Personale della Polizia di Stato, con il coordinamento della Procura Generale presso la Corte D’Appello di Trieste e della Direzione Centrale della Polizia Criminale, Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia, ha tratto in arresto un cittadino rumeno, destinatario di Mandato di Arresto Europeo.

I fatti

Il 16 giugno scorso è stato tratto in arresto in Germania, il 37enne cittadino rumeno A. R. M., destinatario di Mandato di Arresto Europeo, emesso dalla Procura Generale presso la Corte D’appello di Trieste a seguito dell’ordine di carcerazione, disposto in data 13.03.2020. Il cittadino rumeno deve scontare una pena di anni 1 mesi 9 giorni 16 di reclusione, emessa a seguito della condanna del Tribunale di Appello di Trieste, per eventi di natura predatoria avvenuti in provincia di Udine nel 2008.

I reati

Il 37enne in questione era componente di un sodalizio criminale, composto da 6 connazionali, gravitanti in provincia di Udine e dediti a furti in abitazione ed attività commerciali. L'uomo, a conclusione di un’articolata attività investigativa, era stato tratto in arresto in esito ad una misura cautelare in carcere, disposta dal GIP presso il Tribunale di Udine, che aveva assunto e confermato gli elementi di prova a carico del gruppo criminale. Dopo un periodo di carcerazione, era però stato rimesso in libertà. L’investigazione permetteva di individuare nel gruppo di rumeni, i responsabili di almeno 5 furti, a danno di tre bar e di due abitazioni, ubicati fra Udine, Tavagnacco e Resiutta, dove erano stati sottratti denaro, valori bollati ed oggetti di pregio, per un valore di alcune decine di migliaia di euro. Va aggiunto che negli ultimi mesi, altri due sodali sono stati rintracciati all’estero, in Romania e Germania, in esito al Mandato di Arresto Europeo, per scontare la pena residua relativa ai fatti descritti.

Il mandato europeo

All’esito della condanna, l'uomo risultava irreperibile sul territorio nazionale.  A seguito del provvedimento di condanna, le articolate e tempestive indagini esperite da questa Squadra Mobile, con il concorso della Direzione Centrale della Polizia Criminale, Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia, permettevano di localizzare il cittadino rumeno in Germania, dove si trova recluso nel carcere di Bayreuth - St. Georgen, per scontare una condanna a 6 anni e mezzo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono in corso le procedure estradizionali che avranno corso verosimilmente a sodisfatta giustizia delle Autorità tedesche.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il ristorante non vuole chiudere e garantisce posti letto a prezzi stracciati

  • Coronavirus, 334 contagi e tre morti: c'è anche una donna di 41 anni

  • Fedriga e l'allarme Dpcm: "Spariranno migliaia di attività economiche"

  • Caffè, brioche, aperitivo e pizza tutto sullo stesso tavolo: la singolare protesta di un ristoratore udinese

  • Coronavirus, oltre 500 contagi in regione, 4 morti a Udine

  • Coronavirus, il dettaglio su contagiati, decessi e dove sono i positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento