Arrestato il rapinatore che minacciava con la siringa

In primavera aveva effettuato due rapine minacciando le cassiere con una siringa, oltre ad aver derubato una donna in bicicletta

Un uomo di 38 anni, di Udine, è stato arrestato in quanto responsabile di tre rapine commesse ad Udine in giugno e luglio, due delle quali con l’uso di una siringa.

L'accaduto

Lo scorso martedì 23 luglio, personale della Squadra Mobile della Questura di Udine ha arrestato, in esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare degli arresti domiciliari emessa dal G.I.P. del Tribunale di Udine, un 38enne udinese, responsabile di tre rapine commesse nel capoluogo friulano in giugno e luglio.

Le rapine

Nel tardo pomeriggio del 12 giugno l’uomo era entrato in una tabaccheria e, sotto la minaccia di una siringa, aveva costretto la titolare a consegnargli la somma di 200 euro, dandosi poi alla fuga. Il 27 dello stesso mese l’uomo aveva poi rubato ad una donna, che transitava in bicicletta in pieno centro, la borsa che teneva nel cestello, facendo anche cadere la donna che a causa della caduta si è procurata delle lesioni. Il 2 luglio, ancora sotto la minaccia di una siringa, il 38enne ha costretto una barista a farsi consegnare l’incasso della giornata.

L’attività condotta dagli agenti e gli elementi raccolti permettevano al P.M. titolare delle indagini di richiedere ed ottenere la misura cautelare eseguita dai poliziotti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si getta nelle acque gelide del canale per salvare il suo labrador, è la compagna di mister Gotti

  • Pagati per stare a letto 60 giorni a pochi chilometri dal Friuli, si cercano volontari

  • La scommessa di Alessandro: un'osteria nel cuore di Udine dove bere meno e meglio

  • Camminano per strada rientrando in albergo e gli arriva un secchio di urina in testa

  • Coronavirus, altri 10 casi sospetti in Fvg. L'appello della Regione, se temete il contagio chiamate il 112

  • Schianto fatale lungo la regionale 356, perde la vita un motociclista

Torna su
UdineToday è in caricamento