menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sparava alle auto e appiccava incendi: arrestato trentenne di Savogna

Aveva colpito alcune vetture e addirittura impiccato un cane nelle valli del Natisone: indivudato grazie ad un'operazione congiunta tra polizia e carabinieri

Sette crimini in pochi giorni: l'avventura di un trentenne udinese residente a Savogna è però terminata grazie ad un'attività investigativa condotta da Polizia e Carabinieri di Cividale del Friuli.

L'individuo, E. V. le sue iniziali, aveva compiuto una serie di atti nelle valli del Natisone: celibe, disoccupato e incensurato, si è reso protagonista di alcuni gesti folli.

Il primo nella mattinata del 25 gennaio quando ha dato fuoco a 50 balle di fieno e 20 balle di paglia presso la cava Julia Marmi, provocando la semi distruzione di una struttura adibita ad ovile. Nella stessa giornata, a Tarpezzo di San Pietro al Natisone aveva esploso alcuni colpi di arma da fuoco su un'autovettura condotta da un abitante di Clenia. Il colpo ha infranto il lunotto posteriore e lo specchietto retrovisore sinistro.

E, ancora, un tentato incendio in località Tarpezzo di San Pietro al Natisone verso un'autovettura Fiat Doblo di proprietà di un abitante del luogo. Ma non è finita qui: sempre il 25 gennaio ha esploso altri colpi di arma da fuoco in località Clenia all’indirizzo di un abitante del paese che veniva sfiorato dal proiettile che si conficcava nel muro di una abitazione.
Inoltre, ha incendiato a Savogna una Ford Fiesta di proprietà di un abitante del luogo. Le auto, pare, fossero il suo obiettivo preferito: nel pomeriggio, infatti, in località di Merso di Sotto ha colpito altre due autovetture. Non contento dei crimini commessi, ha ucciso nelle medesime circostanze un labrador, impiccandolo.

Infine, nella mattinata del 27 gennaio in località Masseris, ha incendiato la legnaia pertinente l’abitazione del Sindaco di Savogna.

Nel corso dell’attività investigativa le forze dell'ordine hanno sequestrato il fucile utilizzato per esplodere i colpi di arma da fuoco. Sono anche stati ritirati, in via cautelare, altri quattro fucili e le munizioni legalmente detenute grazie al porto d'armi per uso di caccia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, in Fvg 267 nuovi contagi e 12 decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento