rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Cronaca Via Cividale / Via Spalato

Preso il penultimo evaso della celebre "Fuga di Capodanno" avvenuta a Udine

E' stato arrestato uno dei cinque prigionieri che si resero protagonisti della famosa evasione avvenuta in via Spalato il primo gennaio 2001

In manette un altro dei cinque componenti balcanici fuggiti la notte tra il 31 dicembre 2000 e il 1 gennaio 2001 dal carcere di Udine, in quella che la stampa di allora soprannominò come «l'evasione di capodanno». Si tratta di un cittadino bosniaco 38 enne che è identificato e arrestato martedì 16 gennaio a Eindhoven, in Olanda, a 17 anni di distanza da quella famosa e rocambolesca fuga da via Spalato.

La clamorosa fuga di Capodanno

Grazie ai sistemi di sicurezza quasi tutti fuori uso, la notte del 31 dicembre 2000 dalla struttura fuggirono cinque detenuti, dei quali solamente uno rimane tuttora ricercato. La preparazione dellla fuga durò circa 8 ore e fu possibile grazie all'introduzione in prigione di alcuni speciali strumenti che permisero il taglio delle grate in ferro. I reclusi prima segarono le sbarre della finestra della propria cella, poi si calarono con lenzuola annodate lungo il muro di cinta scalando le mura perimetrali della casa circondariale grazie alla stessa biancheria e a dei ganci metallici. Una volta fuori si diedero alla fuga per le strade cittadine. Dei cinque evasi, due furono catturati dai carabinieri il giorno dell'evasione, un terzo fu invece catturato in Slovenia, un quarto fu preso nel 2014 in Serbia. Dopo la fuga, tre dei sei agenti penitenziari inquisiti scelsero di patteggiare la pena in udienza preliminare gli altri tre furono assolti nel 2015 dopo un lungo processo. 

L'arresto

L'operazione è stata portata avanti grazie alle indagini dalla Squadra Mobile di Udine e il supporto dell'Interpol. A portare a termine l'operazione, su mandato di arresto europeo, datato 2008 ed emesso dalla Procura udinese, è stata invece la polizia olandese. Il soggetto, che sarebbe dovuto rimanere in carcere fino al 21 agosto 2003, dovrà ora scontare una condanna a 5 anni, 6 mesi e 18 giorni di reclusione per i furti e le violenze commesse nella provincia di Teramo e per la successiva evasione avvenuta nel capoluogo friulano. L'uomo nelle prossime ore sarà estradato su disposizione del Ministero della Giustizia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Preso il penultimo evaso della celebre "Fuga di Capodanno" avvenuta a Udine

UdineToday è in caricamento