Soluzioni innovative anti-covid: sono friulani gli armadi per sterilizzare i vestiti

La start-up 3EItalia, in collaborazione con altre aziende del territorio, ha inventato degli armadi d'arredamento per sterilizzare i vestiti, gli oggetti indossabili e le merci gestite a mano

Le aziende friulane si mettono in moto per cercare soluzioni sempre più innovative al fine di prevenire il contagio da coronavirus. L'ultima idea arriva direttamente da San Giorgio di Nogaro, dove la start-up 3EItalia ha inventato un armadio che consente di sterilizzare vestiti, oggetti indossabili e le merci gestite a mano in scambio tra le aziende.

Le idee

La start-up, in collaborazione con altre aziende del territorio, ha ideato una linea mirata di prodotti, chiamata "Sanificabox", che permette di provare un vestito o di ricevere un oggetto o un pacco senza rischi e senza quarantene.

Nel dettaglio

Due, quindi, le principali linee di prodotti create e proposte: la prima, "Sanificabox-UVC", realizzata assieme alla falegnameria/famiglia Poggianella di San Giorgio di Nogaro, propone armadi d’arredamento a Uvc nati per sterilizzare i vestiti e gli oggetti indossabili; la seconda, "Sanificabox-Ozono", frutto della collaborazione con un’azienda leader nella lavorazione dell’acciaio, la Metallaser srl di Martignacco, e con il suo ceo Bruno Ceruetto, offre armadi modulari in inox a ozono, idonei per sanificare le merci gestite a mano in scambio tra le aziende.

Ricreare fiducia

Come racconta il ceo di 3EItalia, Fausto Del Pin, l'obiettivo è quello di ricreare fiducia nelle e sulle aziende: “Saputo del Covid-19, mentre ero intento ad approfondire il tema dei batteri dei vegetali, mi sono trovato a rispolverare degli studi da me fatti anni prima sui sommergibili e sulle tecniche per la sanificazione in campo alimentare. Il nostro know-how, del resto, si basa su prodotti per la sicurezza come l’analizzatore dei fulmini DefendIT; prodotti che, essendo obbligatori per legge, hanno contribuito alla nostra formazione giuridica. A tale riguardo - continua Del Pin - l’azione degli Uvc e dell’ozono sono già in uso nei laboratori di virologia da decenni e la base documentale in merito era già in nostro possesso, in particolare per quelli della famiglia del Coronavirus”.

Soluzioni innovative

Ed ecco, quindi, l'ideazione della nuova linea di prodotti anti-covid. “Ci siamo trovati di fronte - aggiunge l’imprenditore - alla necessità di evitare che gli ambienti venissero sterilizzati, dato che un’azione una tantum non blocca il contagio proveniente dall’esterno, mentre un’azione continuativa distrugge quell’habitat di microrganismi che mantengono vigile e allenato il nostro sistema immunitario. Nelle aziende l’infezione avviene a causa del transito delle persone e dei materiali. Come 3EItalia abbiamo voluto dare una risposta mirata alla sanificazione dei materiali, producendo armadi, controllati da processori, che fanno da cella di decontaminazione senza esporre nessuno all’Uvc e all’ozono. In questo modo provare un vestito, ricevere un oggetto o un pacco è sinonimo di garanzia di sicurezza; quella sicurezza che è in grado di far ripartire le imprese e ridare fiducia”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fvg con il fiato sospeso per il mini-lockdown, la lista dei comuni a rischio

  • Covid: 1197 contagi in un giorno e 13 nuovi decessi, è spettro zona rossa

  • Nuova ordinanza della Regione, ecco cosa non si può più fare

  • Schianto lungo la strada regionale: perde la vita una donna

  • Il Friuli Venezia Giulia rischia la zona rossa

  • Acquisti fuori dal Comune di residenza: le precisazioni sugli spostamenti

Torna su
UdineToday è in caricamento