Riconoscimento coppie gay: un attentato all'istituzione familiare

Ad affermarlo è l'Arcidiocesi di Gorizia, intervenuta sulla questione dopo la dichiarazione dell'amnistrazione provinciale relativa al riconoscimento delle coppie formate da persone dello stesso sesso

L'Arcivescovo di Gorizia, Dino De Antoni

Per l'Arcidiocesi di Gorizia la decisione da parte dell'amministrazione provinciale isontina di riconoscere il legame affettivo delle coppie formate da persone dello stesso sesso costituisce ''un vero e proprio attentato all'istituzione familiare''.

Lo afferma una nota che il Centro diocesano per le comunicazioni sociali ha diramato oggi, stigmatizzando l'adozione da parte della Giunta provinciale di una delibera che istituisce ''un'affermazione scritta priva di valore legale'', con la quale riconosce le coppie omosessuali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

(ANSA)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • 10 luoghi particolari per scoprire una Udine insolita, poco conosciuta e bellissima

  • Il miglior frico del Friuli è in un bar della montagna

  • Selvaggia Lucarelli contro il meccanico anti migranti di Plaino

  • Incidente mortale sulla strada Ferrata, tra Varmo e Morsano

  • Ex Cavarzerani, Fedriga: "Cacciateli subito". Si pensa a nuove aree di accoglienza

  • A Trieste "rischio" riammissioni in Slovenia, ecco perché i migranti arrivano a Udine

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento