menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rifiuti nel campo: imprenditore assolto

Lo scorso anno la forestale di Cervignano aveva rinvenuto in un campo nell'aquileiese alcuni spezzoni di pali da vigna spuntare dal terreno. Ritenendoli rifuti abbandonati e non smaltiti avevano deferito Marco Righetti, l'imprenditore che aveva da poco affittato il terreno dalla Contessa Di Prampero. Ieri l'assoluzione dopo l'impugnazione del decreto

Marco Righetti, imprenditore della provincia di Verona, che ha deciso di investire in aziende agricole tra Chiasiellis e Aquileia, è stato assolto ieri mattina con formula piena davanti al Gip del Tribunale di Udine. Righetti era stato raggiunto da un decreto penale di condanna perché ritenuto colpevole di 'abbandono in maniera incontrollata di rifiuti senza provvedere allo smaltimento degli stessi'.

I fatti risalgono al 2013, quando la polizia forestale regionale di Cervignano del Friuli aveva rinvenuto sul terreno aquileiese in località Ca' Viola alcuni spezzoni di pali da vigna che fuoriuscivano dalla terra del campo, da poco affittato da Righetti dalla contessa Di Prampero. I pali erano stati classificati come rifiuti. Il pm che si è occupato del coordinamento delle indagini e che ha ordinato il sequestro del terreno, è la dottoressa Finocchiaro della Procura di Udine.

Dopo un anno di indagini Righetti è stato deferito all'autorità giudiziaria. Questa mattina, però, la sentenza dopo l'impugnazione del decreto: il Gip ha ascoltato l'imputato e la discussione durante il procedimento e ha deciso di assolvere con formula piena Marco Righetti. I legali che hanno difeso l'imprenditore veneto sono l'avvocato Francesca Tutino del Foro di Foggia e l'avvocato Eleonora Marchiol del Foro di Udine. Lo stesso Righetti ha provveduto nel frattempo a sporgere alcune denunce (una in particolare contro la Forestale di Cervignano) anche per la violazione da parte di  alcune persone riscontrata dallo stesso imprenditore dei sigilli apposti nel terreno di sua proprietà messo sotto sequestro. Queste questioni saranno dibattute nei prossimi giorni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento