rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Cronaca Via Cividale / Via Spalato

Applicato il primo braccialetto elettronico per il controllo detenuti

Esordio del sistema di monitoraggio in provincia di Udine. Il primo a 'testare' lo strumento è un 37enne, condannato per una vicenda legata agli stupefacenti

E' stato applicato ieri per la prima volta in provincia, alla caviglia di un detenuto del carcere di Udine, il "braccialetto elettronico”. L’uomo, un 37enne cittadino marocchino residente in città, era stato arrestato lo scorso mese di maggio per una vicenda legata agli stupefacenti. Grazie all'applicazione del braccialetto elettronico è uscito ieri dal carcere ed è stato posto agli arresti domiciliari.

Il tribunale del Riesame di Trieste gli ha concesso la misura meno grave proprio a condizione di portare il braccialetto (sua la richiesta di farsi applicare lo strumento), capace di inviare impulsi radio a un'unità di sorveglianza locale installata nell'abitazione del detenuto, che funziona come una sorta di Gps. Impossibile da togliere, il bracciale invia un avviso sonoro ogni volta che l'indagato si allontana dal luogo in cui si trova ai domiciliari. E' possibile tarare il dispositivo anche per eventuali allontanamenti che siano stati concessi di volta in volta dal magistrato di sorveglianza.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Applicato il primo braccialetto elettronico per il controllo detenuti

UdineToday è in caricamento