Apre al pubblico Cappella Manin, gioiello dell’architettura sacra barocca

L'apertura sarà consentita ogni sabato dalle 14.30 alle 18.00 grazie all'intervento del Touring Club Italiano e dei suoi volontari. Al suo interno vi sono diverse opere del Torretti, il maestro di Antonio Canova

Il Touring Club Italiano apre con i suoi volontari la Cappella Manin di Udine. In particolare, i volontari da sabato 15 dicembre accoglieranno i visitatori ogni sabato 14.30 alle 18. L’apertura della Cappella Manin a Udine è il frutto della ultradecennale esperienza dell’iniziativa Aperti per Voi e dei Volontari del Touring Club Italiano per il Patrimonio Culturale per accogliere visitatori nei siti d’arte altrimenti inaccessibili al pubblico o aperti con forti limitazioni di orario. Dal 2005 ad oggi tanti i successi: oltre 2200 i volontari attivi oggi in tutta Italia, 78 i luoghi aperti in 32 città italiane in 12 regioni e più di 14 milioni i visitatori accolti. 

“L’apertura della Cappella Manin - afferma Franco Iseppi, Presidente del Touring Club Italiano - ribadisce l’impegno del Touring nella tutela della immensa ricchezza culturale del nostro Paese. Come Touring, in collaborazione con le istituzioni locali, abbiamo l’ambizione e la volontà di rendere la bellezza del nostro prezioso patrimonio culturale sempre più accessibile a tutti, cittadini e turisti. Non vorremmo limitarci a questo: attraverso questi beni desideriamo favorire il senso di appartenenza ad una comunità per tutti i cittadini che vi abitano, non escludendo che questa iniziativa promuova una sempre più forte inclusione sociale”. “Senza fatica abbiamo già raccolto oltre venti volontari - spiega GianMario Maggi, coordinatore nazionale Volontari Touring per il Patrimonio Culturale-, cittadini di Udine che ringrazio per la partecipazione e l’impegno. Partiamo con questi primi orari di apertura con l’intenzione di ampliare gli orari e aggiungere anche qualche altra giornata per favorire anche l’afflusso delle scuole. Per questo motivo siamo sempre alla ricerca di nuovi volontari; per candidarsi è possibile compilare il form all’indirizzo www.touringclub.it/apertipervoi”​

Storia

La cappella privata dei Manin iniziata dai conti Antonio e Nicolò nel 1733, probabilmente su disegno di Domenico Rossi, si caratterizza per una pianta centrale (esagonale) secondo uno schema comune agli edifici di culto dedicati alla Vergine. Un’abside semicircolare e una copertura a calotta che sorregge un’imponente lanterna caratterizzata da un’ampia finestra completano il prospetto della costruzione sulla via. Punto focale di tutta la costruzione è l’altare maggiore al quale si accede mediate tra gradini mistilinei di accesso. Tutte le opere sono caratterizzate da tratti barocchi e vivaci scenografie. L’edificio presenta una facciata maestosa. Le pareti interne sono decorate con grandi rilievi che illustrano episodi della vita di Maria, eseguiti tra il 1729 e il 1733 da Giuseppe Torretti, il maestro di Antonio Canova; sull’altare maggiore troneggia la Madonna col Bambino, sempre del Torretti. Il pavimento, invece, è ricoperto di marmi policromi e si estende sulle paraste, corre lungo la cornice marcapiano ai piedi della cupola e fa da tappeto ai gradini dell’altare maggiore.

La soddisfazione del Comune

“Per il Comune di Udine - dichiara il Sindaco di Udine, Pietro Fontanini - l’inserimento all’interno del progetto del Touring Club Italiano Aperti per Voi della splendida Cappella Manin, vero e proprio capolavoro del Barocco impreziosito dagli altorilievi di Giuseppe Torretti, è un riconoscimento tanto importante quanto atteso da anni. Per questa Amministrazione la valorizzazione delle nostre meravigliose opere d’arte è una priorità e con essa vogliamo non solo richiamare sempre più turisti dalle altre Regioni e dai Paesi vicini ma restituire agli udinesi i tesori della città. Il mio ringraziamento va quindi al Touring Club Italiano per la sua autorevole e lusinghiera decisione”.  “Sono convinto che questa decisione presa dal Touring Club Italiano su iniziativa del Comune di Udine di aprire e valorizzare Cappella Manin porterà finalmente la giusta visibilità il nostro patrimonio artistico e mi auguro sia il primo passo verso il recupero di altri tesori oggi purtroppo sconosciuti agli stessi udinesi”, sostiene Fabrizio Cigolot, Assessore alla Cultura, Progetti europei del Comune di Udine.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Impresa edile ha lavori fino ad aprile 2020 ma non trova operai: «Rischiamo di chiudere tutto»

  • Confonde l'acceleratore col freno e tampona cinque auto

  • Morto folgorato al primo giorno di lavoro, si va al processo

  • FOTONOTIZIA Auto ribaltata in tangenziale

  • Distruggono la piscina di Feletto, danni per oltre 50mila euro

  • È ritornato il giustiziere delle piste ciclabili, avvistato oggi a rigare le auto parcheggiate

Torna su
UdineToday è in caricamento