Autostrada, il viadotto su Tagliamento aperto al traffico

Castagna (Autovie): «Un ringraziamento a tutti coloro che hanno lavorato “a testa bassa” per accelerare i lavori, alle imprese, alle maestranze, ai tecnici e a tutti i collaboratori, a tutti quelli che hanno contribuito a questo successo»

Alle 12 di oggi i primi veicoli provenienti da Trieste e diretti a Venezia sono transitati sul manufatto che rappresenta l’opera principale del terzo lotto della terza corsia. Da domenica prossima (quando i lavori saranno completati anche nell’altra carreggiata) sull’infrastruttura potranno circolare anche i mezzi provenienti da Venezia e diretti verso Udine e Trieste. La soddisfazione del presidente della concessionaria Maurizio Castagna è palpabile «perché non si tratta di un risultato scontato – afferma – nella realizzazione di opere di questa caratura, complesse dal punto di vista tecnico, progettuale e ambientale, le difficoltà ci sono sempre e solo lavorando in stretta sinergia, con impegno e professionalità, possono essere superate».

I lavori: lo sprint finale

Il viadotto è stato aperto al traffico a tempi di record, in soli 379 giorni. Era il 24 novembre 2017 quando fu posata la prima pietra. In questi ultimi giorni l’impresa appaltatrice, le maestranze e i tecnici di Autovie Venete hanno dato il massimo per rispettare i tempi che si erano prefissati. Sono stati posati e fisati i giunti sulla soletta (il piano d’appoggio) dell’infrastruttura, installato le barriere fonoassorbenti, posizionati i new jersey centrali che separano le carreggiate. Ma, soprattutto, dalle 21 di sabato, quando è stata chiusa l’autostrada nel tratto tra l’interconnessione A4/A28 (Nodo di Portogruaro) e lo svincolo di Latisana in entrambe le direzioni, fino alle ore 12, quando il viadotto è stato finalmente aperto, hanno operato 36 bilici (9 in un senso e 27 in un altro) per raccordare la vecchia e la nuova carreggiata e quindi pareggiare la quota altimetrica di entrambi i sedimi stradali, in modo tale che i veicoli potessero viaggiare su sei chilometri di nuovo asfalto.

9DIC 5-2

Il cantiere prosegue

Nei prossimi giorni proseguiranno i lavori di pavimentazione nei nuovi tratti di raccordo lungo la carreggiata che da Venezia porta a Trieste e verranno spostati di conseguenza i new jersey. L’operazione richiederà una settimana. Sabato 15 a partire dalle 21 fino alle 08 di domenica 16 verranno chiusi i tratti compresi tra l’allacciamento A4/A28 (Nodo di Portogruaro) e l’allacciamento A4/A23 (Nodo di Palmanova) in direzione Trieste e tra lo svincolo di Latisana e il Nodo di Portogruaro in direzione Venezia. A partire dalle 08 di domenica 16 si potrà viaggiare su entrambi i sensi di marcia sul nuovo viadotto. La circolazione, nei prossimi mesi, sarà infatti ancora a doppio senso di marcia (a due corsie di larghezza pari a 3,5 metri per ciascuna direttrice) e quindi, a tutti gli effetti, il manufatto sarà considerato ancora “cantiere”. Diventerà a tre corsie quando l’altro viadotto (a sud), che già è in fase di costruzione, verrà completato (presumibilmente entro fine 2019).

Obblighi e limitazioni

Autovie ricorda che sul nuovo viadotto – visto l’attuale restringimento della carreggiata con traffico deviato su due corsie senza corsia di emergenza – verrà imposto il limite massimo di velocità per i veicoli con massa a pieno carico fino a 7,5 tonnellate di 80 chilometri orari e di 60 chilometri orari per i mezzi superiori a 7,5 tonnellate. Inoltre varrà il divieto di sorpasso per i veicoli con massa superiore alle 3,5 tonnellate.           
 

Potrebbe interessarti

  • Come riconoscere l'allergia al nichel

  • Ristoranti vegani: dove andare in città?

  • Farmaci generici e di marca: sono davvero uguali?

  • Formiche in casa, i metodi naturali per allontanarle

I più letti della settimana

  • Giallo sulla morte di Anamaria, la giovane parrucchiera trovata morta in un bosco

  • Turista posteggia l'auto sul lungomare di Lignano e lascia il cane chiuso dentro

  • Tragica fatalità, agricoltore muore dopo aver acquistato un trattore

  • Incidente stradale, il bilancio è di un morto e tre feriti

  • Sequestrati in provincia di Udine 100 kg di preparato per gelato scaduto

  • La Guardia di Finanza ad Aria di Festa, cucina ferma e centinaia di avventori in protesta

Torna su
UdineToday è in caricamento