Allarme siccità, fino al 70% in meno di acqua disponibile

I bacini acquiferi montani registrano un grave deficit idrico. Per farvi fronte la Regione ha predisposto un documento che prevede come immagazinare e risparmiare acqua per gli usi primari

La Regione Friuli Venezia Giulia ha predisposto un decreto sullo stato di sofferenza idrica, a causa di una siccita' che non si registrava da almeno vent'anni. Il documento prevede una serie di azioni per immagazzinare e risparmiare acqua e assicurare il fabbisogno agli usi prioritari (idropotabile e irriguo).

Il deficit idrico e' tra il 50 e il 70% nei bacini montani. Il trend di calo delle falde acquifere oscilla tra i 2-3 centimetri al giorno nella bassa pianura ai 15 della fascia pedemontana. Le portate dei fiumi sono ai valori piu' bassi negli ultimi 10 anni.

(ANSA)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si getta nelle acque gelide del canale per salvare il suo labrador, è la compagna di mister Gotti

  • La scommessa di Alessandro: un'osteria nel cuore di Udine dove bere meno e meglio

  • Pagati per stare a letto 60 giorni a pochi chilometri dal Friuli, si cercano volontari

  • Camminano per strada rientrando in albergo e gli arriva un secchio di urina in testa

  • Schianto fatale lungo la regionale 356, perde la vita un motociclista

  • Incidente mortale a Faedis, la vittima è il 56enne Michele Cabas

Torna su
UdineToday è in caricamento