Guida dopo aver abusato di alcol o droghe, controlli serrati della Polizia

Dalla Questura annunciano un periodo severo dal punto di vista del monitoraggio, anche alla luce degli ultimi fatti di cronaca

La Polizia fa sul serio, e annuncia una serie di controlli serrati sulle strade della provincia. «In questi giorni - comunicano dalla Questura cittadina -, partirà un secondo ciclo di controlli specifici (dopo quello di novembre 2015), che  interesserà  la provincia di Udine,  nei mesi di aprile e maggio, e che ha, come fine ultimo, il raggiungimento dell’obiettivo della riduzione degli incidenti stradali nel decennio 2010-2020, come richiesto dall’Unione Europea agli Stati membri». L’attenzione sarà rivolta in particolare al contrasto del fenomeno della guida in stato di ebbrezza alcolica o di alterazione,  dovuta all’assunzione di sostanze stupefacenti o psicotrope.

IL SUPPORTO MEDICO. La sperimentazione di nuove prassi operative per questo tipo di controlli  avviene d’intesa con la Direzione Centrale di Sanità. Infatti, nel corso dell’attività, ci sarà l’affiancamento del personale medico e sanitario della Questura di Udine, e verranno utilizzati nuovi strumenti in dotazione, quali precursori e kit diagnostici per il controllo preliminare, che verificherà la presenza di sostanze stupefacenti e psicotrope nei conducenti controllati.

I RISULTATI PRECEDENTI. Questo nuovo ciclo viene avviato, anche in seguito ai buoni risultati conseguiti con la precedente sperimentazione, che nelle province interessate dal servizio,  ha portato all’individuazione della positività ad almeno una sostanza stupefacente nel 78% dei casi risultati positivi al precursore (1,8% dei conducenti complessivamente controllati).

OMICIDIO STRADALE. Alla luce della nuova normativa entrata in vigore con l’introduzione dell’omicidio stradale, questo tipo di controlli appare oggi ancora più attuale, al fine di aumentare sempre più la consapevolezza dell’importanza di mettersi alla guida in condizioni psicofisiche ottimali.

IL “TARGET”. L’obiettivo del Ministero dell’Interno infatti, è quello di elevare gli standard di sicurezza stradale, attraverso  l’attività di prevenzione  e  controllo,   sia  nei confronti delle condizioni dei mezzi circolanti, sia in quelle degli utenti che si pongono alla guida di un veicolo.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm e spostamenti verso i congiunti fuori regione: cosa succede dal 16 gennaio

  • Il Fvg è arancione: ecco tutte le regole in vigore da domenica 17

  • Verso la zona arancione: cosa cambia in Friuli Venezia Giulia e da quando

  • La "nuova era" finisce presto, stop alla produzione della birra friulana Dormisch

  • Coronavirus in Fvg, 20 vittime e 739 ricoveri: numeri drammatici

  • Casa completamente a fuoco in zona Udine Nord

Torna su
UdineToday è in caricamento