Affitti non pagati per 500mila euro, il Comune agisce legalmente

Palazzo D'Aronco ha annunciato di voler agire nei confronti degli inquilini morosi. Il sindaco Fontanini: «Troppa beneficienza nel periodo che mi ha preceduto». La replica di Cinzia Del Torre (Pd), ex assessore al bilancio: «Fontanini dica cosa vuole fare dei soldi che ha già in cassa prima di cercare fondi da chi probabilmente non ha con cosa pagare»

Il sindaco Fontanini

«Abbiano incaricato gli uffici legali del Comune di agire verso gli inquilini morosi. Per adesso sono quattro le situazioni più critiche, con gente che non paga da nove anni». Pietro Fontanini, sindaco di Udine, dichiara guerra a chi non salda l’affitto degli immobili comunali. «In totale abbiamo crediti, con diverse situazioni in essere —precisa il primo cittadino —, per 500mila euro complessivi».

I predecessori

Il sindaco non risparmia una frecciata sul tema nei confronti di chi ha amministrato la città prima di lui: «Chi mi ha preceduto ha inviato solamente dei solleciti nel corso degli anni. È stata fatta troppa beneficenza ed è ora di agire».  In totale sono 50 i locali comunali (tra questi anche negozi) per i quali la città vanta dei crediti. «Qualcuno — ha specificato Fontanini — è arrivato ad accumulare anche 20mila euro di debiti, senza manifestare mai l’intenzione di pagare».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Del Torre

Sulla vicenda ha replicato Cinzia Del Torre del Partito democratico, ex assessore al bilancio della precedente Giunta. «Abbiamo amministrato in un periodo di seria crisi economica, durante il quale abbiamo cercato di trovare un accordo con gli inquilini in difficoltà. Certo che avrebbero dovuto pagare, ma alcuni davvero non potevano. Dove è stato possibile abbiamo concordato un piano di rientro. Diversamente avremmo dovuto lasciare senza tetto famiglie non abbienti (di cui avrebbero poi dovuto comunque occuparsi i servizi sociali), oppure far chiudere piccole attività (che in qualche situazione hanno chiuso lo stesso non avendo piu risorse economiche). In molti casi abbiamo trovato una soluzione, ma certo non in tutti.  Il sindaco — conclude Del Torre — sa di avere  quasi 400mila euro di avanzo di cui non ha idea di cosa fare (e infatti non l'ha  applicato nemmeno nell'ultima variazione). I soldi a bilancio andranno in economia a fine anno, e allora dica cosa vuole fare del denaro che ha già in cassa prima di cercare fondi da chi, probabilmente, non ha con cosa pagare».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • 10 luoghi particolari per scoprire una Udine insolita, poco conosciuta e bellissima

  • Il miglior frico del Friuli è in un bar della montagna

  • Rientro dalla Croazia, Fedriga apre ai tamponi al confine

  • Dalla grappa al gelato: il re friulano dei distillati realizza il suo sogno da 5 milioni di euro

  • Si rompe un appiglio e cade per cento metri: muore sul Monte Sernio un escursionista

  • Selvaggia Lucarelli contro il meccanico anti migranti di Plaino

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento