menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Affittavano stanze alle "lucciole"

Sospesa per 45 giorni l'attività di un affittacamere di Borgo Stazione appartenente ad una donna di origini cinesi. Ad Aquileia 10 giorni di inattività per un altro locale privo degli obbligatori dispositivi di sicurezza

Affittavano stanze a donne dedite alla prostituzione. La titolare di un affittacamere di Borgo Stazione, una donna di origini cinesi, si è vista così notificare un provvedimento di sospensione della propria attività della durata di 45 giorni. 

Dagli accertamenti condotti dalla Questura di Udine è emerso infatti come la concessione delle stanze ad alcune cittadine straniere dedite alla prostituzione fosse sistematica e ripetuta e come non vi sia mai stata comunicazione della loro presenza alle autorità. L'attività tuttavia non è nuova a provvedimenti di questa natura. Nel 2015 infatti l'esercizio fu sospeso per motivi simili per oltre un mese.

Ad Aquileia

Sospensione per 10 giorni delle autorizzazioni per il pubblico esercizio per un'attività di Aquileia che a seguito di alcuni controlli della squadra amministrativa della Questura di Udine è risultato carente dei requisiti minimi per l'apertura al pubblico. L'edificio era infatti privo di uscite di emergenza illuminate, del certificato di prevenzione incendi e delle normali revisioni dei dispositivi di sicurezza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, in Fvg 267 nuovi contagi e 12 decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento