menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

“Adottiamo un cane”: il progetto del Comune di Cividale

L’Amministrazione Comunale conferma l’iniziativa e aumenta i contributi per chi adotterà un cagnolino ritorvato sul territorio ducale, che arriveranno fino a 1000 euro

Il Comune di Cividale del Friuli conferma il Progetto “Adottiamo un cane” e lo fa aumentando addirittura il contributo da destinare a chi farà richiesta di adozione: si passa, infatti da 400 euro a 1.000 euro.  Il contributo, una tantum, sarà erogato in due tranche di euro 500,00 ciascuna ai privati che otterranno in affido un cane tra quelli recuperati sul territorio comunale. 

“Per il Comune– spiega l’assessore Stefano Cicuttini – questo progetto è un vanto in quanto è stato il primo in provincia in tal senso, ormai più di dieci anni fa; rappresenta tuttora una grande soddisfazione perché contribuisce a dare una casa ed una famiglia ai cani abbandonati, ed, infine, è un motivo di risparmio in quanto il contributo erogato è comunque inferiore a quanto il Comune spende per mantenere gli animali nei canili”.

Le condizioni in cui i randagi vivono nella struttura del canile convenzionato di Clenia sono buone: hanno spazi sufficienti per muoversi e vengono accuditi con cura - precisa ancora Cicuttini - ma vivere con una famiglia è senza dubbio meglio”. 

“Siamo convinti che questo progetto continuerà a dare anche nei prossimi anni i risultati che si merita – continua l’assessore – basti pensare che dal 2002 il Comando della Polizia Locale, anche grazie ad una attenta campagna promozionale che ha sensibilizzato la cittadinanza, è riuscito a trovare casa a ben 64 cani”. 

Dalla Polizia Locale spiegano, quindi, che per ottenere l’affido di un cane gli interessati dovranno scegliere tra gli animali recuperati nel Comune di Cividale del Friuli rivolgendosi direttamente al canile Monte del Re di San Pietro al Natisone, località Clenia, tel. 0432-727266. Attraverso il sito internet del Comune è comunque possibile vedere le fotografie dei cani in attesa di adozione che sono tutti già vaccinati e provvisti di microchip.

Gli affidatari dovranno provvedere all’iscrizione dell’animale all’anagrafe canina e ad ogni altra prescrizione di legge in tema di possesso di cani impegnandosi a tenere con cura l’animale, provvedendo al mantenimento ed alle eventuali cure di cui necessitasse.

Dopo un anno, per ottenere il contributo l’affidatario dovrà dichiarare che il cane è vivo ed in buone condizioni di salute allegando copia della documentazione da cui risulti l’iscrizione all’anagrafe canina e copia di un documento d’identità in corso di validità e portare in visione l’animale presso il Comando Polizia Locale e ciò entro novanta giorni dal compimento dell’anno dall’affido.

Verificata la conformità della documentazione e le condizioni del cane affidato, il Comune provvederà entro sessanta giorni all’erogazione del 50% (pari a euro 500,00) del contributo previsto a favore dell’affidatario. Il rimanente 50 % verrà erogato a distanza di un anno dal precedente, sempre previa verifica delle condizioni del cane. 

Al via, dunque, la nuova campagna informativa e di sensibilizzazione sull’argomento, anche nei confronti dei bambini e dei giovani. Per informazioni: Polizia Locale tel. 0432/710220.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, 12 i decessi, calano i ricoveri e le terapie intensive

Attualità

Covid, oggi in regione 336 positivi e 29 vittime

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento