Cronaca

Ora c'è “Garbo”: il nuovo aceto firmato Slow Food Condotta del Friuli 

Circa 500 bottiglie realizzate con vini provenienti da uve coltivate in Fvg e Primorska

Garbo perché un aceto dai modi gentili e dagli scopi virtuosi o Garbo perché agro come solo la frutta sa essere? Lo deciderà chi vorrà provarlo, sull’insalata o per cucinare: è il nuovissimo aceto naturale slow, firmato ovviamente da Slow Food Condotta del Friuli e derivato dai vini del territoriodedicato a tutti coloro che in questo periodo difficile non hanno potuto avere accesso a un cibo “buono, pulito e giusto”

Ogni anno, i collaboratori di Slow Wine Fvg assaggiano migliaia di vini, i migliori dei quali sono poi recensiti sulla guida Slow Wine. Da queste degustazioni avanza sempre qualche assaggio, che sapientemente riutilizzato, alla vecchia maniera. La fermentazione è “casuale”: se in quella spontanea del vino l’uomo svolge comunque un ruolo fondamentale, in quella riservata all’aceto slow il caso ha dettato le regole. Gli slow-winers friulani spiegano di essersi limitati a unire una “madre” che viene utilizzata da più di un secolo, nata e cresciuta nella Bassa friulana (la stessa della precedente edizione) e i vini del Friuli Venezia Giulia e della Primorska, zona vitivinicola slovena da diversi anni recensita nella guida e selezionata dal gruppo di Slow Wine Fvg. E poi? «E poi abbiamo atteso che la natura facesse il corso – spiegano dalla Condotta –, con i suoi tempi e ritmi come tradizione vuole». 

Questo aceto vuole dunque rimarcare la solidarietà nei confronti di chi durante questa crisi pandemica ha sofferto.  «Ecco perché il nostro aceto – aggiungono – servirà a nutrire la società di cultura del cibo, dove essa non è ancora giunta, di cibo per chi non ne ha a sufficienza e di solidarietà per chi il cibo lo produce o lo trasforma. Sceglieremo uno specifico progetto o molteplici tra quelli che i nostri soci amici e sostenitori ci vorranno segnalare e ne daremo evidenza sul sito regionale www.slowfoodfvg.it».

Slow Food Condotta del Friuli ha realizzato circa 500 bottiglie da 500 ml ciascuna, per un valore di 10 euro a bottiglia, grazie agli spazi generosi dell’Osteria Altran di Ruda. L’aceto non è in vendita diretta, ma chi lo vorrà, devolvendo un’offerta può prenotarlo scrivendo a swfvgeventi@gmail.com o compilando direttamente il modulo di prenotazione a questo link: https://forms.gle/mx2SPNj1S8fe7KBE7.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ora c'è “Garbo”: il nuovo aceto firmato Slow Food Condotta del Friuli 

UdineToday è in caricamento