Lunedì, 18 Ottobre 2021
Cronaca

Vaccino anti-covid: la Regione Fvg incontra i medici di base per l'accordo

Oggi viene discussa la bozza dell'accordo per le sedi e i compensi per le somministrazioni del vaccino anti-covid da parte dei medici di base del Friuli Venezia Giulia

Dopo il "niet" della settimana scorsa, pare che l'accordo sia stato trovato: medici di base e Regione Fvg si incontrano oggi per organizzare le somministrazioni del vaccino anti-covid. Sul tavolo, oltre i compensi, anche la discussione sulle sedi. 

L'intesa

Il nodo principale riguardava il compenso: i medici chiedevano, attraverso le sigle sindacali, 32 euro a somministrazione. Per la Regione, che ne proponeva 6, erano decisamente troppi. Ora la forbice oscilla tra i 6,16 (per le somministrazioni effettuate nei locali messi a disposizione delle Aziende sanitarie e i 25,06 lordi (se la somministrazione è effettuata a domicilio). È prevista anche la quota di 10 euro se la somministrazione avviene nello studio medico. L'obiettivo dell'incontro che si svolgerà oggi è disciplinare l'inserimento dei circa 900 medici di base della regione nella campagna in modo da accelerarla. 

In questo momento, ad essere coperti dalle somministrazioni dei medici di base sarebbero gli over 80 considerati fragili e i non deambulanti che sono già seguiti a domicilio. Ad ogni medico si stima che dovrebbero essere affidati al massimo circa 20 pazienti, da un minimo di 10. In questo modo si prevede che le somministrazioni per le categorie a rischio dovrebbero essere concluse entro la metà di maggio

I numeri

Gli over 80 residenti in Friuli Venezia Giulia che si sono già prenotati per ricevere il vaccino a domicilio sono circa 7.200. L'operazione, che ha preso il via da qualche giorno, si dovrebbe concludere con la somministrazione della doppia dose indicativamente entro la fine di aprile o al massimo entro la metà del mese di maggio. Il numero si è ridotto rispetto alle preventivate 15 mila unità, perché molti si sono già recati autonomamente presso i centri allestiti in regione per ricevere le dosi a loro destinate mentre per altri ancora si sta prendendo in esame la possibilità di organizzare dei trasporti protetti nei vari punti in cui vengono somministrate le dosi.
 


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccino anti-covid: la Regione Fvg incontra i medici di base per l'accordo

UdineToday è in caricamento