menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

In Fvg 22 milioni di euro per l'edilizia scolastica

Lo ha reso noto oggi la presidente, Debora Serracchiani, intervenendo a Joannis di Aiello del Friuli all'inaugurazione dei lavori di ristrutturazione di un asilo nido, integrato alla scuola dell'infanzia

Sono 22 i milioni di euro destinati al Friuli Venezia Giulia per l'edilizia scolastica, grazie al decreto firmato ieri dal ministro dell'Istruzione, Stefania Giannini, con il quale il nostro Paese si dota di una Programmazione nazionale pluriennale di interventi sulla base delle priorità indicate dalle Regioni. Lo ha reso noto oggi la presidente, Debora Serracchiani, intervenendo a Joannis di Aiello del Friuli  all'inaugurazione dei lavori di ristrutturazione di un asilo nido, integrato alla scuola dell'infanzia.

"E' stato mantenuto l'impegno, preso dal presidente del Consiglio, Matteo Renzi, e dal governo - ha spiegato Serracchiani - di fare rilevanti investimenti sull'edilizia scolastica. Le risorse assegnate al Friuli Venezia Giulia rappresentano un riconoscimento importante. Abbiamo tante scuole da ammodernare, rendere migliori, anche attraverso interventi di messa a norma. Siamo particolarmente soddisfatti perché questo ci offre l'opportunità di continuare ad aprire dei cantieri e dare finalmente delle risposte concrete agli studenti, agli insegnanti, alle famiglie".

"Intendiamo continuare a creare le condizioni per rendere accoglienti, confortevoli, puliti, a norma gli ambienti scolastici ove i ragazzi trascorrono tante ore e gli insegnanti devono poter operare in un contesto all'altezza dello straordinario ruolo che svolgono", ha evidenziato la presidente,
ricordando che le risorse saranno ripartire a seconda delle segnalazioni delle amministrazioni comunali.

Intanto una risposta nella direzione del rinnovamento delle scuole è rappresentata proprio dal nido di Joannis, il cui taglio del nastro è stato fatto oggi dopo sette mesi di lavori, presenti accanto alla presidente Serracchiani genitori, insegnanti e bambini, autorità, tra cui il sindaco di Aiello Roberto Festa, il presidente della Fondazione Casa De Senibus (cui fa riferimento la scuola) Giorgio Bignulin, l'assessore della Provincia di Udine
Marco Quai e Lionello D'Agostini, presidente della Fondazione Crup, che ha contribuito alla ristrutturazione, insieme alla Regione.

"Noi dobbiamo investire nei servizi, perché la tenuta del nostro tessuto sociale dipende anche dalla garanzia di servizi efficienti e funzionali", ha evidenziato Serracchiani, riferendosi in  particolare a quelli rivolti alla prima infanzia.

"Sono servizi importanti per la famiglia e principalmente per le donne", ha detto. "Se vogliamo davvero che le donne riescano a lavorare il nostro impegno deve andare necessariamente non soltanto alla creazione di posti di lavoro, che è e resta un dovere primario per assicurare crescita e sviluppo, ma dobbiamo anche accompagnare questo con la garanzia di servizi che permettano di conciliare lavoro e famiglia. Investire, come in
questo caso con un nido integrato con la scuola della prima infanzia, è un segnale importante" ed è anche "il frutto di una collaborazione molto saggia tra pubblico e privato".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È di nuovo zona arancione, ecco cosa succede da oggi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento