112 granate della prima Guerra Mondiale ritrovate a Rigolato

Rivenute vicino a delle trincee sono state messe in sicurezze e neutralizzate dagli artificieri del 3° Reggimento Genio Guastatori di Udine

Lunedì 26 settembre scorso gli artificieri del 3° Reggimento Genio Guastatori di Udine, allertati dalla Prefettura di Udine, hanno concluso un intervento di bonifica del territorio da ordigni residuati bellici, iniziato martedì 20 settembre, nel Comune di Rigolato in provincia di Udine, che ha visto l’impiego sul terreno giornalmente di una decina di militari del genio.

I guastatori si sono recati in Carnia sulle montagne attorno all’abitato di Rigolato, in località Coventas, dove hanno prelevato 112 granate calibro 75 mm modello Shrapnel di fabbricazione italiana risalenti al primo conflitto mondiale la cui presenza era stata recentemente segnalata da alcuni escursionisti che avevano avvisato i Carabinieri della locale Stazione di Forni Avoltri. I residuati bellici, rivenuti vicino a delle trincee del primo conflitto mondiale a quota 1800 metri, sono stati messi in sicurezza e trasportati in marcia a valle in località “Bosco Zoccaz”, nel comune di Forni Avoltri, dove i team EOD (Explosive Ordnance Disposal) ha provveduto giornalmente alla neutralizzazione finale.                                                                                            
L’organizzazione delle attività, volte a garantire la sicurezza dell’area interessata, è stata coordinata dalla Prefettura di Udine. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolta da un’acquasantiera, muore a 7 anni

  • Minorenne al volante per un giro con sette amici si schianta e muore a 15 anni

  • Chi era Daniele Burelli: aveva una passione profonda per le auto e i motori

  • Incidente all'alba, muore una mamma mentre accompagna la figlia a scuola

  • "Non fate il suo stesso errore", così la famiglia Burelli ricorda il ragazzo e lancia un appello

  • Incidente mortale in piazzale D'Annunzio, perde la vita una donna

Torna su
UdineToday è in caricamento