Venerdì, 30 Luglio 2021
Benessere

Parte dal Friuli un nuovo approccio psicologico: al via le sedute outdoor

Il presidente dell'ordine degli psicologi del Fvg Roberto Calvani: “La natura può diventare co-psicologa e co protagonista; in autunno un Protocollo per l'opzione della psicoterapia outdoor in Fvg come formula aggiuntiva alla psicoterapia tradizionale in studio”

Si stanno affacciando anche sul nostro territorio le sedute psicologiche all'aperto: si chiama eco-psicologia, ovvero le modalità di colloquio fra paziente e terapeuta open air. Si tratta di una via aggiuntiva che lo psicologo può sperimentare accanto, o oltre, alla classica e tradizionale seduta in studio, soprattutto quando il clima estivo lo consente e se c'è l'interesse da parte dello specialista e del paziente. "Il setting di riferimento-base resterà sempre e soltanto, il confronto in una stanza", precisa il Presidente dell'Ordine degli Psicologi del FVG, Roberto Calvani, "ma anche eventuali colloqui outdoor potrebbero rappresentare un'opzione terapeutica che valorizzi il consueto e consolidato percorso in studio”.

Protocollo made in Fvg

Il presidente Calvani annuncia la creazione di una Commissione per l'elaborazione di prossime Linee guida specifiche per l'alternativa volontaria di terapie outdoor che potranno in futuro integrare la psicoterapia tradizionale che resta  il gold standard. “Sappiamo che ci sono alcuni psicologi che, soprattutto con l'arrivo della bella stagione, propongono come formula aggiuntiva la terapia ambientale, immersa nella Natura, declinandola o in un giardino (pubblico o privato), o lungo un corso d'acqua, vicino agli alberi, oppure in qualche percorso di collina o montagna, in base anche alla vicinanza allo studio, al paesaggio in cui si è inseriti e alla personale predisposizione”, riferisce il Presidente Calvani. “Si tratta di colloqui in setting ambientali diversi nei quali si mantengono la stessa professionalità e il rispetto dei ruoli che caratterizzano i colloqui in studio. Nella Natura che diventa co-attore può capitare che certi pazienti riescano a sentirsi meno inibiti e meno irrigiditi".

Alternativa

L'opzione delle terapie all’aperto possono contribuire, accanto alle terapie standard, ad aiutare a superare alcuni tipi di dolore psichico. Sono utili, come formula integrativa, a tutte le età, dai bambini agli anziani e per quelli con sintomi clinici, siano essi minori o gravi. Secondo le più recenti ricerche, il diretto contatto con la natura può offrire un ulteriore supporto per quanti soffrono di disturbi quali ansia o depressione, iperattività, disistima, apportando vantaggi a coloro che presentano problematiche relative in generale all’attenzione e la cognizione, la memoria, lo stress, il sonno, la stabilità emotiva, e il benessere auto-percepita o la qualità della vita. Esistono alcune teorie secondo cui, richiamando la biofilia, non si può trascorrere una vita sana e completa lontano dalla natura.

Psicologo e co-psicologo

Stando ai primi risultati raccolti fra gli esperti del nostro territorio che hanno condotto e stanno conducendo terapie psicologiche all'aperto, la natura è capace di offrire un punto di vista diverso sui nostri limiti e ci permette di attingere a risorse personali prima ignorate, rafforzare il senso di presenza e consapevolezza, e di attivare una più profonda introspezione. La natura diventa insomma una sorta di co-psicologa ed entra in gioco in maniera determinante come terza protagonista nell'interazione fra paziente e specialista.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parte dal Friuli un nuovo approccio psicologico: al via le sedute outdoor

UdineToday è in caricamento