rotate-mobile
Sabato, 2 Luglio 2022
Cura della persona

Il massaggio che fa bene ai capelli, ecco il segreto per potenziare l'effetto delle lozioni

Oltre a stimolare la circolazione sanguigna, favorendo così il benessere dei capelli, il massaggio del cuoio capelluto aiuta a migliorare il grado di penetrazione di creme, unguenti e lozioni per capelli, migliorandone l’effetto

Il tipo di shampoo o balsamo da utilizzare, le maschere da applicare a seconda del tipo di capelli, ma anche se preferire la spazzola al pettine, quanti lavaggi a settimana è opportuno fare. Quando si parla di salute del cuoio capelluto quasi mai si sente parlare di massaggi. Eppure sembra proprio questa importante operazione ad essere fondamentale per preservare la qualità delle nostre chiome e contrastare l’indebolimento e la caduta dei capelli.

«Va fatta chiarezza su punto fondamentale: la bellezza dei capelli è direttamente proporzionale alle condizioni di salute del cuoio capelluto - afferma Angelo Labrozzi, farmacista, collaboratore con l’Università di Chieti ed esperto nello studio della caduta dei capelli - e attraverso il massaggio cutaneo viene stimolata la circolazione sanguigna. Ciò rafforza i follicoli indeboliti e contrasta le condizioni che possono interrompere il processo di crescita dei capelli, inclusa la forfora e la pelle secca. Aiuta inoltre a rimuovere sebo, polvere e capelli morti, rendendo il cuoio capelluto un ambiente sano e pulito. Il massaggio va eseguito con movimenti circolari, applicando una pressione moderata, facendo attenzione a non aggrovigliare i capelli per evitare rotture e strappi dei peli dal follicolo. È preferibile effettuarlo prima dello shampoo, magari con del semplice olio di cocco, così da favorire l'apporto di ossigeno, il drenaggio linfatico e l'elasticità della pelle».

I vantaggi di un buon massaggio

Il massaggio del cuoio capelluto presenta però anche altri vantaggi. Secondo alcuni recenti studi condotti da Christina Phuong e Howard I. Maibach, due medici californiani, è emerso che massaggiare il cuoio capelluto aumenta il livello di penetrazione nella parte follicolare della lozione che si va ad applicare. Infatti, grazie allo sfregamento, si modifica lo strato di barriera cutanea, migliorando il passaggio delle molecole e di conseguenza il tasso di permeazione della sostanza all’interno della pelle. 

«Troviamo numerose forme farmaceutiche adatte a questo tipo di applicazione, come creme, unguenti, lozioni, schiume o spray - spiega Labrozzi, ideatore del Metodo di Nardo incentrato sulla caduta dei capelli - l’indubbio vantaggio della somministrazione topica è quello di ottenere un effetto locale, senza andare ad intaccare l’intero organismo attraverso un assorbimento di tipo sistemico, che sicuramente porterebbe al raggiungimento del farmaco sul sito di azione, però con possibili svantaggi, come eventuali effetti collaterali e una minore efficacia dovuta alla rapida eliminazione della sostanza».

Come massimizzare l'efficacia del trattamento

Il grado di penetrazione del farmaco, è condizionato da numerosi fattori, ad esempio la scarsa predisposizione del prodotto all’assorbimento percutaneo, lo stato della pelle ed il suo spessore. In risposta a ciò, il massaggio potrebbe essere un valido aiuto per facilitare il passaggio attraverso la cute. Numerosi studi infatti ne confermano l’importanza al fine di favorire l’efficacia di un trattamento topico.  Al tempo stesso però, è bene sapere che il tipo di massaggio può aumentare o diminuire l’effetto della lozione, e se applicata in modo inappropriato, può fare danni considerevoli (V. Wohl, Chapter Medication and Massage Therapy: Introduction to Pharmacology). Questo concetto è di fondamentale importanza poiché il massaggio, oltre ad ampliare l’assorbimento topico, potrebbe produrre cambiamenti fisiologici positivi massimizzando l’efficacia del farmaco stesso.

«Sconsigliato improvvisarsi massaggiatori»

«Un massaggio svolto da personale qualificato apporta sicuramente vantaggi, non solo in termini di assorbimento migliore, ma soprattutto potrebbe coadiuvare la risoluzione del problema interagendo con la fisiologia del corpo umano, attraverso l’ausilio di tecniche di movimento specifiche - sostiene Labrozzi - per questa ragione è vivamente sconsigliato improvvisarsi massaggiatori, prima di tutto perché esiste personale qualificato, e soprattutto perché un massaggio fatto male non solo non porterà benefici alla persona che ne ha bisogno, ma rischierà addirittura di essere controproducente danneggiando il paziente stesso».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il massaggio che fa bene ai capelli, ecco il segreto per potenziare l'effetto delle lozioni

UdineToday è in caricamento