Piastra per capelli: quale acquistare?

Ecco una breve guida con tutte le caratteristiche che una buona piastra per capelli dovrebbe avere per ottenere ottimi risultati

@ Immagine tratta da deabyday.tv

Sul mercato esistono mille modelli diversi di piastra per capelli, sia per fare i capelli lisci, sia ricci, mossi o ondulati. Ma che caratteristiche dovrebbe avere una buona piastra?

Come scegliere la piastra

Nell'acquistare una piastra per capelli, si può scegliere da quella più sofisticata, a quella più elementare, ma tutte si accomunano per la loro forma a pinza e per l'impugnatura isolata termicamente. Ma prima di acquistarne una, è importante tenere sotto controllo questi fattori:

  • rivestimento: tutte le piastre professionali che si possono acquistare sul mercato hanno un rivestimento in ceramica. Questo, rappresenta la soluzione migliore, perché consente di non aggredire il capello e la messa in piega diventa più fluida. Sul mercato, però, si trovano dei modelli ancora più evoluti che rilasciano ioni caricati negativamente, che garantiscono un fissaggio migliore.
  • Temperatura: questa è molto importante, perché una temperatura troppo bassa non consente di ottenere la piega desiderata, mentre una temperatura troppa alta può bruciare i capelli. Proprio per questo, è bene acquistare un modello che permetta di regolare la temperatura a proprio piacimento.
  • Grandezza: se si hanno tanti capelli e molto lunghi, è bene acquistare una piastra di dimensioni più grandi (ossia più larga e più lunga), che consenta di fare la messa in piega nel più breve tempo possibile. Se, invece, si hanno i capelli corti, meglio optare per delle piastre della dimensioni più contenute.
  • Capelli asciutti o bagnati: alcuni modelli sono fabbricati per funzionare solo sui capelli asciutti, mentre altri consentono di fare la messa in piega direttamente sui capelli bagnati. In questo ultimo caso, la messa in piega è molto più veloce.
  • Consumo energetico: oltre alla potenza espressa in Watt, è bene controllare il tempo di riscaldamento della piastra. Più velocemente si scalda, infatti, e minore sarà il consumo di energia elettrica.

Prezzo e scelta

Come per tanti altri prodotti, i prezzi delle piastre possono variare anche di molto tra loro, soprattutto se si confrontano piastre economiche con piastre professionali. Quindi, si possono spendere sia decine che centinaia di euro per acquistare la propria piastra. Proprio per questo, è bene conoscere fin da subito il tipo di utilizzo che si farà della piastra. Per esempio:

  • la messa in piega: le piastre, come detto in precedenza, consentono di ottenere capelli lisci, ricci o ondulati. Ci sono alcune che consentono di ottenere tutte e tre le pieghe, ma è sempre meglio orientarsi verso una piastra che si occupi solo di ottenere capelli lisci, o solo capelli ricci e ondulati.
  • Tipo di capello: lunghi, corti, fini, lisci, ondulati. La piastra deve essere acquistata in base al proprio tipo di capello.
  • Utilizzo: la piastra, poi, va acquistata anche in base al suo utilizzo. Se si userà spesso, allora è meglio acquistare una piastra professionale (costa di più, ma ne vale la pena), se, invece, si usa saltuariamente, si può optare anche per un modello base.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • 15 luoghi da non perdere in Friuli Venezia Giulia

  • Friuli circondato dalla paura: in Slovenia reintrodotta la quarantena, in Veneto restrizioni da lunedì

  • Tragedia a San Domenico, Francesca perde la vita a soli 23 anni

  • Il giovane udinese che vizia di lusso vintage Chiara Ferragni: la storia di Massimo

  • Coronavirus, aumentano anche in Fvg i positivi e nuovi contagi

  • Lei urina di fronte alla vetrina del ristorante all'ora dell'aperitivo, lui sfonda una porta

Torna su
UdineToday è in caricamento