menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Zona arancione , "ultimo sforzo" per Fedriga, Shaurli: "La settimana scorsa voleva aprire tutto"

Dalla mezzanotte di venerdì (e quindi, di fatto, da sabato) in vigore le nuove restrizioni per le vecchie province di Udine e Gorizia

"Questo è l'ultimo sacrificio che la Regione chiede ai cittadini del Friuli Venezia Giulia, perché non si può pensare che l'alternativa al vaccino siano sempre e comunque le restrizioni. Bisogna, Europa in primis, cambiare passo, affinché venga finalmente avviata una campagna di massa, magari utilizzando la strategia adottata con successo in Gran Bretagna somministrando al maggior numero possibile di persone la prima dose. Con queste premesse e sulla base dei dati, e delle preoccupanti previsioni relativamente alla diffusione del virus, mi accingo a firmare l'ordinanza per l'istituzione della zona arancione rafforzata nelle aree delle ex province di Udine e Gorizia a partire dalla mezzanotte di venerdì 5 marzo (pertanto da sabato 6) e della didattica a distanza per le scuole medie, superiori e delle università di tutta la regione con decorrenza da lunedì 8. Le disposizioni avranno una durata di 15 giorni". Lo ha detto oggi a Trieste il governatore Massimiliano Fedriga illustrando, assieme al vice con delega alla Salute Riccardo Riccardi e all'assessore all'Istruzione Alessia Rosolen, gli ultimi provvedimenti restrittivi per contrastare i contagi da Covid-19 sul territorio regionale.

Le ragioni

Come ha ribadito il governatore, la decisione viene assunta in base all'aumento dei contagi rilevato la scorsa settimana in particolare in due aree della regione: quella dell'ex provincia di Gorizia (200 casi per 100mila abitanti) e dell'ex provincia di Udine (353 casi per 100mila abitanti), con proiezioni che prefigurano una situazione in costante aggravamento. Di particolare rilevanza anche l'incidenza in base all'età, che vede la fascia che va dagli 11 ai 18 anni come quella prevalente, mentre preoccupa la presenza della variante inglese nelle aree soggette alle restrizioni previste nell'ordinanza. "Noi – ha aggiunto Fedriga – continuiamo a prenderci le nostre responsabilità per preservare il sistema sanitario regionale a fronte di un rischio di sovraccarico dovuto all'aumento dei casi, consapevoli di quello che ciò comporta per determinate categorie produttive. Per questo nel provvedimento relativamente ai ristori che faremo a livello regionale riconosceremo un maggior contributo economico a quegli esercizi che verranno penalizzati nelle aree soggette alle restrizioni più severe; inoltre con il prossimo Dpcm lo Stato indennizzerà quelle attività limitate dai provvedimenti di carattere regionale".

Terza ondata

"L'obiettivo – ha spiegato il governatore – è quello di anticipare l'ondata e di arrivare verso la stagione più calda evitando la pesantezza di un impatto che in parte si sta verificando in alcune altre regioni. E' chiaro che tutto ciò rischia di essere inutile senza l'avvio di una vera campagna vaccinale di massa. Per questo invito il Governo a prendere ispirazione da quanto fatto in Gran Bretagna, dove anche con l'utilizzo del siero AstraZeneca allargato agli over 65 è stato abbattuto il numero dei ricoveri ospedalieri".

Varianti

Da parte sua il vicegovernatore Riccardi ha spiegato che "la situazione è molto condizionata dall'incidenza in Friuli Venezia Giulia delle mutazioni del Covid-19: al momento sono stati registrati casi di variante inglese nelle ex province di Udine, Gorizia e Pordenone anche se in quest'ultima in modo molto inferiore. Non ci sono state segnalazioni nell'area triestina, anche se per quest'ultima preoccupa la mobilità transfrontaliera, che è costantemente monitorata. Nelle ultime settimane è stato registrato un forte aumento generalizzato dei contagi tra i giovani, con punte a Udine e Gorizia. Per contrastare il virus stiamo quindi aumentando le azioni volte all'isolamento del virus e implementando l'attività di sequenziamento per comprendere l'origine dei contagi". Riccardi ha quindi precisato che, "grazie alla vaccinazione, i contagi tra il personale sociosanitario e i residenti delle strutture per anziani sono crollati. Nonostante la discontinuità nelle forniture continua quindi a pieno regime la vaccinazione della popolazione in base alle indicazioni del Governo: finora ha ricevuto, tra prima e seconda dose, il vaccino il 6,7 per cento della popolazione, con la somministrazione della prima dose a 80.615 persone e della seconda a 36.649". Il vicegovernatore ha anche specificato che "in merito al piano vaccinale, oltre all'aumento delle dosi di siero, serve maggiore chiarezza da parte del Governo sulle categorie da immunizzare in via prioritaria: solo in questo modo potranno essere organizzati esattamente i flussi di lavoro delle aziende sanitarie".

Shaurli

“Surreale la conferenza stampa del Presidente Fedriga. Ci chiediamo se è la stessa persona che la settimana scorsa chiedeva di aprire tutto, se è il capo di chi pochi giorni fa raccoglieva firme per aprire i locali anche la sera. In questi mesi lo abbiamo sentito dire tutto e il contrario di tutto, dall'apertura delle piste da sci alla chiusura anticipata delle scuole. Quando le cose vanno meglio è merito suo, quando il Covid ci mette con le spalle al muro per Fedriga è sempre colpa di qualcun altro: i cittadini irresponsabili, il Governo di cui ora fa parte, l’Europa. E’ ridicolo che chi governa in questa Regione non si assuma mai le sue responsabilità: che messaggi ha dato ai cittadini, chiedendo un giorno di aprire tutto anche la sera e quello dopo chiudendo le scuole? Per chiedere serietà e rispetto delle regole alle persone serve coerenza, quella coerenza sacrificata sempre per il consenso in questi mesi”. Lo afferma il segretario regionale Pd Fvg Cristiano Shaurli, commentando la conferenza stampa del presidente della Regione Massimiliano Fedriga. Per il segretario dem “se finalmente si vogliono analizzare dati e criticità della nostra Regione, se si vuole capire come siamo arrivati a questo punto, se abbiamo fatto tutto il possibile per avere un tracciamento efficace e un piano di vaccinazione che non sprechi o rallenti una singola dose, se vogliamo dare, qui ed ora, il cambio di passo che serve alla Sanità regionale, noi – sottolinea – come in tutti questi mesi siamo pronti a fare la nostra parte, anche di fronte a scelte e decisioni difficili”. “Ha affermato di non avere la patria potestà di tutti i nostri ragazzi: è una fortuna – conclude Shaurli – perché non ci avrebbero capito niente, spinti un giorno a uscire la sera e bacchettati e chiusi in casa quello seguente”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, 12 i decessi, calano i ricoveri e le terapie intensive

Attualità

È di nuovo zona arancione, ecco cosa succede da oggi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento