Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La capitale del Friuli vista durante il blocco del Corona virus

 

I giorni del blocco per il Covid-19, per il Corona virus sono giorni difficili per tutti. Le città e i paesi sono vuoti e i movimenti delle persone sono ridotti al minimo e per le sole esigenze di necessità. “Glesie Furlane”, la Chiesa dei friulani, ha voluto rendere omaggio a Udine, alla città simbolo del Friuli, in questo momento così difficile per tutti noi, in cui ci è richiesto di restare a casa per il bene di tutti. Il video è stato realizzato dalla casa di produzione friulana Belka Media, che ha osservato scrupolosamente le indicazioni delle autorità nella sua realizzazione, e ha presentato la città in una veste poeticamente drammatica: non ci sono passanti, persone, auto e solamente gli uccelli e le indicazioni al neon dei negozi fanno capire che le immagini non sono fotografie ma riprese video.

Bianco e nero

La scelta del bianco e nero, oltre a essere esteticamente molto forte, ci presenta Udine come sospesa in una sorta di limbo, una situazione surreale che accomuna tutte le città e i paesi del Friuli. “Glesie Furlane” dedica questo video a Udine e alla sua tenacia, città simbolo di resistenza per tutti i friulani, in attesa che questi tempi difficili passino, per permettere a tutti di ricominciare a vivere normalmente.

Glesie furlane 

"Glesie Furlane" è un gruppo di cristiani e friulani che cercano di indagare e mantenere le proprie radici culturali e religiose, per poter conciliare in maniera armonica la propria fede e la propria identità. Con una attività di quasi mezzo secolo Glesie Furlane è sempre stata dalla parte della gente, dalla parte dei friulani.

Potrebbe Interessarti

Torna su
UdineToday è in caricamento