Venerdì, 25 Giugno 2021
Attualità

Notte dei Lettori a rischio: il Comune la paragona a un congresso e sospende gli incontri "in presenza"

La settima edizione della Notte dei Lettori si dovrebbe svolgere il 23 e il 24 ottobre nella Chiesa di San Francesco: il Dpcm prevede che i convegni e i congressi non di carattere nazionale si svolgano online. Forse, però, si potevano applicare le norme previste per gli spettacoli

La chiesa di San Francesco a Udine, dove erano previsti gli incontri della Notte dei Lettori

La doccia fredda è arrivata ieri: sospesa la Notte dei Lettori. O meglio, è sospesa "in presenza", levando così tutto il piacere della condivisione e la natura stessa di un evento che da anni attira il calore e il gradimento del pubblico friulano. La decisione è stata comunicata agli organizzatori, l'associazione Bottega Errante, dal Comune di Udine: gli incontri che si sarebbero dovuti tenere nella nuova location della Chiesa di San Francesco, in sostituzione dei consueti appuntamenti all'aperto e all'interno delle librerie cittadine, sono stati paragonati ad attività convegnistiche e, perciò, sospesi.

Il programma della Notte dei Lettori

Questo il contenuto della comunicazione inviata ieri: sostanzialmente in Comune di Udine ha deciso di applicare il Dpcm paragonando l'evento a un convegno e non a uno spettacolo, cosa che avrebbe permesso lo svolgimento in presenza con l'applicazione di tutte le normative previste per teatri e cinema. Gli organizzatori si stanno muovendo di conseguenza, provando a riorganizzare  - a pochi giorni dall'avvio della settima edizione - gli appuntamenti online.

La crisi del settore

Va da sè, però, che si tratta dell'ennesima mazzata per il mondo della cultura e degli spettacoli già duramente messo alla prova dalla situazione emergenziale: oltre al piacere di assistere alle presentazione e agli incontri, che prevedevano sabato 24 alle 21 anche un concerto con il compositore Remo Anzovino (un racconto in musica dove il musicista dovrebbe, oltre a suonare, dialogare con il musicologo Alessio Screm). A soffrirne sarà non solo l'associazione culturale che ha impiegato moltissime energie nell'organizzazione dell'evento, già azzoppatto dalla mancanza di fondi regionali, e il pubblico, ma anche il comparto dei tecnici e degli operatori del settore degli spettacoli dal vivo che perderà l'ennesima occasione per poter lavorare se sostituiti totalmente dalla modalità online.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Notte dei Lettori a rischio: il Comune la paragona a un congresso e sospende gli incontri "in presenza"

UdineToday è in caricamento