Attualità

Vaccini: "le sospensioni dei sanitari no-vax partano da apicali"

"Grazie a professionisti che ci mettono la faccia", dichiara il segretario regionale del Pd Cristiano Shaurli

Negli ultimi giorni sono cominciate le prime sospensioni riguardanti i sanitari non vaccinati, in Friuli Venezia Giulia: si tratta di quasi duecento operatori dell'Azienda Sanitaria Friuli Occidentale. «Fra le ultime per vaccinazione di over 60 e sanitari, finalmente la Regione lancia una campagna informativa che invita a vaccinarsi: professionisti autorevoli della nostra sanità con coraggio ci mettono la faccia e vanno ringraziati. Spicca, certo per caso, l’assenza del neo direttore dell’emergenza regionale De Monte. Negli stessi giorni le Aziende sanitarie avviano le prime 177 sospensioni per gli operatori che non si sono vaccinati», afferma il segretario regionale Pd Fvg Cristiano Shaurli.

La richiesta

«E allora chiediamo una volta di più chiarezza e buoni esempi: non vorremo che il coraggio di questa scelta, difficile ma giusta, fosse riservato a operatori sanitari e infermieri che non potevano scegliere di farsi un vaccino a piacere, magari cinese e non riconosciuto», continua Shaurli. Le sue riflessioni giungono dopo che l'azienda sanitaria del Friuli occidentale ha disposto la sospensione per gli operatori sanitari che non hanno adempiuto all'obbligo vaccinale.
«Chiediamo alle Aziende e all’Assessore alla Salute - aggiunge l'esponente dem - di partire dalle figure apicali delle nostra sanità che, per dare l’esempio e fiducia ai cittadini, devono dire con massima trasparenza se sono vaccinate, dove e come ed invitare i nostri cittadini a fare altrettanto. Altrimenti ogni campagna informativa sarà inutile e vanificata in un secondo dai messaggi discordanti che stanno arrivando in queste settimane».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccini: "le sospensioni dei sanitari no-vax partano da apicali"

UdineToday è in caricamento