Attualità

Torna la zona rossa: come si può trascorrere l'ultimo giorno dell'anno

L'ultimo giorno prima della stretta del 31 e della zona rossa in vigore fino al 3 gennaio: quando serve l'autocertificazione e come scattano i controlli della polizia. Le regole per il Veglione e per i viaggi in auto

Oggi, mercoledì 30 dicembre, è l'ultimo giorno in zona arancione prima della stretta di Capodanno: dal 31 e fino al 3 gennaio tornerà in vigore la zona rossa con le sue limitazioni decise nel decreto legge n. 172/2020 del 18 dicembre. Fino alle 22 di oggi (quando entrerà in vigore il coprifuoco) saranno possibili gli spostamenti all'interno del proprio comune senza autocertificazione mentre questa sarà necessaria se bisogna spostarsi nelle ore in cui è in vigore il coprifuoco o se si deve andare al di fuori del proprio comune e della propria regione per i tre motivi di lavoro, salute ed estrema necessità e urgenza. 

30 dicembre, zona arancione: cosa si può fare oggi 

La zona arancione prevede che tutti i negozi siano aperti ma all'interno degli esercizi deve essere assicurata la possibilità di rispettare la distanza interpersonale di un metro (per intenderci: niente "classica" fila alle casse, bisogna restare lontani). Gli ingressi devono essere dilazionati in modo che non si creino assembramenti all'interno dei locali e non si deve rimanere nel negozi più del tempo necessario per l'acquisto di beni. Rimangono comunque in vigore le deroghe cristallizzate dal Dl 172/2020 e quindi sarà possibile spostarsi per andare al di fuori del proprio comune in due non contando under 14 o persone con disabilità ma bisognerà munirsi di autocertificazione e compilarla. In essa va indicato che lo spostamento è determinato da:

comprovate esigenze lavorative;
motivi di salute;
altri motivi ammessi dalle vigenti normative ovvero dai predetti decreti, ordinanze e altri provvedimenti che definiscono le misure di prevenzione della diffusione del contagio.

I motivi che giustificano gli spostamenti tra le 22.00 e le 5.00 restano esclusivamente quelli di lavoro, necessità o salute.

Nella zona arancione: è vietato circolare al di fuori del proprio comune o della propria regione se non per motivi di lavoro, salute o estrema necessità e urgenza; è vietato circolare negli orari del coprifuoco (dalle 22 alle 5) se non per motivi di lavoro, salute o estrema necessità; i bar e i ristoranti possono effettuare solo consegna a domicilio e asporto, ma sono chiusi al pubblico; i centri commerciali sono chiusi nei giorni festivi e prefestivi, tranne gli esercizi come farmacie e alimentari; il trasporto pubblico viaggia con una capienza ridotta al 50%; sono sospese le attività di sale giochi, sale bingo, slot machines; sono chiusi i musei e i cinema e sono sospese le mostre, così come piscine, palestre e centri sportivi.
Chi si muove per lavoro può dimostrarlo attraverso tesserini, lettere d’incarico o altri documenti. In auto è consentito trasportare persone non conviventi, purché nella parte anteriore della vettura ci sia soltanto il guidatore, dietro entrino non più di due persone per fila di sedili e tutti indossino la mascherina. È anche possibile offrire un passaggio "da o verso la propria abitazione" a un amico o a un familiare non convivente. E se ci si trova in un’altra regione, tornare a casa è sempre consentito. Può spostarsi liberamente anche chi vive in un comune fino a 5.000 abitanti purché lo spostamento avvenga in un raggio di 30 chilometri, anche in un’altra regione, con il divieto esplito di recarsi nel capoluogo di provincia. 

31 dicembre: da domani zona rossa

Da domani, 31 dicembre, torna in vigore la zona rossa e quindi gli spostamenti saranno possibili soltanto con l'autocertificazione (ma le deroghe resteranno valide). Il 31 dicembre l'orario del coprifuoco cambia: è in vigore dalle 22 alle 7 del mattino. Nella zona rossa è vietato spostarsi anche all'interno del proprio comune se non per ragioni di lavoro, salute o estrema necessità e urgenza; sono chiusi tutti i negozi tranne gli alimentari, le farmacie e le parafarmacie; restano aperte anche edicole, tabaccherie e attività di servizi alla persona come barbieri e parrucchieri (ma sono chiusi i centri estetici).

Come festeggiare

Le feste sono vietate e bisogna indossare la mascherina per proteggere sé stessi e gli altri anche in casa, quando si è in presenza di persone non conviventi. Va ricordato che incontrarsi con gli amici o con i parenti per festeggiare a Capodanno è possibile sostanzialmente in due modi: 

ci si può incontrare "in anticipo" e tornare a casa entro le 22, quando scatta il coprifuoco;
si può passare la notte a casa dell'amico o del parente che si è andato a visitare (entrando in casa sua prima delle 22) e poi tornare a casa quando il coprifuoco cessa, ovvero dopo le 7 del mattino: il pernottamento non è vietato dalle regole e i controlli in casa si possono effettuare solo se le forze dell'ordine hanno contezza del fatto che si stia commettendo un illecito. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torna la zona rossa: come si può trascorrere l'ultimo giorno dell'anno

UdineToday è in caricamento