menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Renato Serci con in mano la sua invenzione

Renato Serci con in mano la sua invenzione

Brevetto tutto friulano per rivoluzionare il trasporto dei vaccini e dei tamponi anti covid

Comoda, pratica, utile, ma soprattutto sicura al 100%. È il prototipo della nuova borsa frigorifero che potrebbe rivoluzionare il trasporto dei vaccini anti Covid nei prossimi mesi

È nato a Udine Frigò, il contenitore termico – pronto all'uso – ideale per la conservazione di farmaci, flaconi e alimenti. L'ha inventato e brevettato un infermiere dell'ospedale Santa Maria della Misericordia, Renato Serci. “Questo è il mio contributo alla lotta al Covid”, dichiara. 

L'idea

Renato Serci è un infermiere professionista impegnato fra le corsie del Santa Maria della Misericordia di Udine. È proprio lavorando per la struttura di chirurgia specialistica friulana che l'operatore sanitario ha iniziato a pensare e a elaborare la sua idea: una borsa termica pronta all'uso, in grado di essere al contempo leggera, resistente e affidabile.

Era il 2013 quando Serci ha iniziato a disegnare le prime bozze della sua invenzione, un oggetto utile sia per uso sanitario che domestico, ideale per conservare fiale o vaccini, ma anche cibi e bevande. Nel 2014, dopo mesi di studio utilizzati per selezionare i migliori materiali e per ridurre al minimo i ponti termici e le dispersioni passive, quell'innovativo contenitore prese forma con il deposito di un brevetto e la realizzazione dei primi prototipi. Rispetto alle borse termiche presenti attualmente sul mercato, Frigò – questo il nome del dispositivo - è in grado di mantenere la temperatura interna ad un livello superiore senza l'utilizzo di gel o di elettricità.

In questo periodo di emergenza sanitaria il progetto risulta estremamente attuale. Infatti potrà essere utilizzato nel trasporto, nelle consegne e nella conservazione delle dosi vaccinali e dei tamponi molecolari o di qualsiasi materiale sanitario che necessiti di una temperatura di conservazione inferiore ai 12 gradi. “Ognuno di noi deve dare il proprio contributo nella lotta al Covid – spiega Serci -. E Frigò può davvero essere utile all'interno della filiera del piano vaccinale che l'Italia e il Friuli Venezia Giulia stanno affrontando. Questo contenitore, al contrario dei dispositivi attualmente in uso, oltre a essere leggero e pratico, non disperde il freddo e mantiene basse temperature”.

Obiettivi

L'obiettivo è che questa idea possa attrarre la curiosità di qualche investitore o di qualche ente pubblico e che Frigò possa essere messo in produzione per essere utilizzato per il corretto trasporto di fiale e siringhe anche dai medici di famiglia. Già un'importante società di Medicina del lavoro ha avanzato interesse nei confronti di Frigò. Per la realizzazione di questo obiettivo è stata formata una squadra di professionisti volta a seguire, aiutare e tutelare Serci e la sua invenzione. Del team fanno parte il consulente del lavoro Simone Tutino, il medico legale e del lavoro Nicola Li Volsi e lo sviluppatore del progetto Ciro Vella. Cina, Belgio, Francia hanno manifestato grosso grosso interesse al brevetto. 

Chi è Renato Serci

Infermiere professionale, lavora all'interno della struttura di Chirurgia specialistica e in distacco al Servizio igiene pubblica punto vaccinazioni. 52 anni, nato a Cagliari, dopo un'esperienza importante presso l'ospedale Fatebenefratelli di Milano, Renato Serci si è trasferito in Friuli dopo aver vinto il concorso pubblico nel 1999. Vive a Udine, ha tre figli e dall'inizio della pandemia ha accumulato diverse ore di lavoro straordinario dedicandosi anima e corpo alla causa anti pandemica.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Chi può prenotare il vaccino? L'elenco completo delle categorie

Attualità

Tutti a vaccinarsi, mega coda in Fiera a Udine

Attualità

Coronavirus, solamente 3 decessi e 23 contagi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento