Pace fatta tra Policlinico e Ospedale, in viale Venezia 50 posti letto a disposizione

Infermieri e oss potranno lavorare su base volontaria nei reparti dell’Azienda sanitaria Friuli Centrale

L'accordo c'è, e ne beneficia tutta la sanità cittadina. Dopo le schermaglie dei giorni scorsi Policlinico e Azienda sanitaria sono arrivati a un'intesa.  Stamattina l'incontro in viale Venezia tra l’amministratore delegato del Policlinico Claudio Riccobon e il direttore generale dell’Azienda Sanitaria Universitaria Friuli Centrale, Massimo Braganti. Hanno espresso entrambi «soddisfazione per il chiarimento propositivo e la collaborazione prontamente avviata dopo le difficoltà di comunicazione tra le due strutture, che avevano portato alle incomprensioni dei giorni scorsi».
 

La disponibilità

In seguito al primo incontro di ieri presso la sede ASUFC e al sopralluogo di stamane in viale Venezia, sono state definite le attività che il Policlinico metterà a disposizione per l’emergenza: 23 posti letto per ricoveri medici e di assistenza post-chirurgica ortopedica e 27 posti letto per RSA (residenza sanitaria assistenziale) ad alta intensità di cura per un totale di 50 posti letto non-Covid19.

No Covid-19

È stata valutata anche la possibilità di attivare una unità Covid, ma la distribuzione logistica degli ambienti e dei percorsi all’interno della struttura di viale Venezia non permette di rispettare il principio della separazione tra i percorsi nell’accesso alla diagnostica radiologica, elemento importante nel percorso diagnostico dei pazienti Covid positivi. Il Policlinico identificherà il numero degli infermieri e di oss necessari per le attività condivise con l’Azienda Sanitaria e per il mantenimento dell’attività di dialisi, delle urgenze chirurgiche e delle attività ambulatoriali con priorità B.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il personale

Le figure sanitarie (in particolare infermieri e oss idonei a lavorare sui tre turni) che risulteranno eccedenti saranno invitate, nel rispetto delle norme di legge e con esplicito consenso degli interessati, a mettersi a disposizione per lavorare nei reparti della ASUFC in questa fase di emergenza sanitaria. Analogamente il Policlinico collaborerà con la ASUFC per individuare anestesisti che, con rapporto libero professionale, siano disponibili a dare un prezioso supporto nella cura dei malati affetti da Covid 19.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Slovenia chiude nuovamente il confine con l'Italia, anche il Fvg è considerato zona rossa

  • Il ristorante non vuole chiudere e garantisce posti letto a prezzi stracciati

  • Covid 19: quattordicenne ricoverato a Udine in Medicina d'urgenza

  • Coronavirus, 334 contagi e tre morti: c'è anche una donna di 41 anni

  • Coronavirus, positivi alla Quiete, in ospedale a Palmanova, Udine e San Daniele

  • Fedriga e l'allarme Dpcm: "Spariranno migliaia di attività economiche"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento