rotate-mobile
Giovedì, 30 Giugno 2022
decreto

Green pass e quarantene: cosa cambia dall'1 febbraio

Da martedì 1 febbraio il certificato verde sarà ridotto da 9 a 6 mesi, servirà per entrare nei principali uffici ed attività. Tra le novità più attese, la scuola: quarantene più leggere

Da domani, martedì 1 febbraio, il Green Pass sarà ridotto dagli attuali 9 ai 6 mesi di durata: poi è probabile il governo probabilmente deciderà di renderlo di durata indefinita per chi ha 3 dosi, visto che non ci sono altre somministrazioni all'orizzonte. Sarà inoltre obbligatorio per entrare nei principali negozi e attività, così come sarà obbligatorio per tutti gli over 50 essere in regola con il ciclo vaccinale per non incorrere nelle sanzioni previste dalle norme.

I provvedimenti

Due provvedimenti nel giro di una settimana serviranno a prorogare le misure anti-Covid e a semplificare le regole: sarà rivisto il sistema a colori e resterà solo la zona rossa, che col nuovo conteggio dei ricoveri sarà più difficile da raggiungere. Sicura è la proroga dell'obbligo di mascherina all'aperto anche in zona bianca almeno per un altro mese. Ma è sulla scuola che sono puntati tutti gli occhi.

Green Pass, cosa cambia da domani

Il decreto approvato dal Consiglio dei ministri per evitare il rischio assembramenti durante Natale e Capodanno prevedeva che da febbraio il Green pass sarebbe stato ridotto da 9 a 6 mesi: il provvedimento avrà anche effetto retroattivo. Più sostanziali, invece, le modifiche sull'obbligo di certificato per entrare nei principali negozi. Da domani, martedì 1 febbraio, sarà necessario presentare il proprio QR code (ottenibile tramite vaccino, tampone o certificato di guarigione) per entrare nei principali uffici ed attività, poste, banca e librerie comprese. I titolari o gestori degli esercizi non sono però obbligati a verificare il possesso del Green pass, ma possono effettuare dei controlli a campione. Sempre consentito il libero accesso, tra gli altri, nei negozi di generi alimentari in quelli per la vendita del cibo per gli animali domestici, nei distributori di carburante, nei negozi di vendita di articoli igienico-sanitari, in farmacie, parafarmacie e ottiche. In questo caso, i titolari di questi esercizi devono però verificare che i clienti non consumino alimenti e bevande sul posto.

Sanzione una tantum di 100 euro ai non vaccinati

La stretta dall'1 febbraio riguarderà in particolare gli over 50 che non si sono sottoposti al vaccino obbligatorio. Si tratta di circa un milione e mezzo di persone che dovranno pagare una sanzione una tantum di 100 euro, come deciso dal decreto che ha imposto l'obbligo vaccinale per quella fascia d'età. Saranno esentate, ovviamente, le persone che non hanno fatto il vaccino per motivi di salute, salvo la presentazione di una certificazione medica. I controlli per le sanzioni saranno fatti a campione e le multe saranno inviate dall'Agenzia delle entrate dopo eventuale segnalazione del Ministero della Salute.

Quarantena, si cambia passo

Tra le novità più attese ci sono quelle che riguardano la scuola. Dopo le modifiche già introdotte con il decreto Sostegni - chi ha il Pass rafforzato da vaccino o guarigione rientra dall'autosorveglianza senza tampone - il governo Draghi metterà mano nelle prossime ore alle regole che hanno creato difficoltà e proteste: ci saranno dunque meno tamponi, meno certificati e meno Dad. Fonti del ministero dell'Istruzione fanno sapere che, in primis, sarà alzata la soglia per lo stop alle lezioni in presenza. Non per le materne, dove già oggi con un caso saranno sospese le attività, ma alle elementari invece con uno o due casi si resterà in classe, mentre con 3 si finirà in Dad, uniformando così la regola a quella delle medie e delle superiori. Per tutti i vaccinati o i guariti da 0 a 18 anni, però, la didattica a distanza verrà accorciata da 10 a 5 giorni. Se durante l'assenza dovessero subentrare raffreddore, febbre o tosse, ci vorrà un test antigenico o molecolare di controllo prima di essere riammessi a scuola, ma non più il certificato medico che resterà valido solo per il rientro dei positivi.

Dal 15 febbraio Green Pass "da vaccino" per lavorare 

Il prossimo step arriverà, infine, il 15 febbraio quando entrerà in vigore l'obbligo del Super Green pass per tutti i lavoratori over 50. Chi verrà sorpreso senza il certificato rischia una multa che varia dai 600 ai 1.500 euro. Chi, invece, non presenterà la documentazione sarà considerato assente ingiustificato ma manterrà sempre il posto.

La nuova zona rossa

Il governo eliminerà la zona gialla e quella arancione a inizio febbraio con un decreto ad hoc. Resterà solo la zona rossa che scatterà quando si supereranno i 150 casi settimanali ogni 100mila abitanti, il tasso di occupazione in area medica andrà oltre il 40% e quello in terapia intensiva oltre il 30%. I parametri dei colori delle regioni stanno per essere rivoluzionati: cambierà radicalmente il quadro, a partire dal riconteggio delle percentuali di malati Covid nei letti degli ospedali, ma va ribadito che oggi come già oggi tra zona bianca, gialla e arancione non cambia quasi nulla. La tabella con le attività consentite con e senza Green Pass in zona bianca, gialla e arancione è disponibile a questo indirizzo. L'esecutivo vorrebbe mantenere in piedi il sistema dei colori per l'analisi epidemiologica e per la zona rossa. Restano da decidere le attività da chiudere nella fascia a più alto rischio. L

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Green pass e quarantene: cosa cambia dall'1 febbraio

UdineToday è in caricamento