menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'appello: "Sciogliere il nodo scuola e trasporti con soluzioni durature"

La Cisl Fvg sul rientro: dare risposte anche agli studenti pendolari: 1 su 3 studia e vive in comuni diversi. Colautti: “Rimpallo tra Regione e Tar non è produttivo”

Il rimpallo tra Regione e Tar non fa bene alla scuola per la Cisl del Friuli Venezia Giulia: anziché andare avanti a colpi di ordinanze e sentenze, meglio sarebbe mettere mano concretamente agli ostacoli che si frappongono al rientro in classe dei ragazzi. A intervenire sulla questione scuola è il segratario Franco Colautti, che pone l’accento sul problema dei trasporti. “Posto che il presupposto per il ritorno in presenza deve essere la sicurezza – spiega Colautti – resta urgente attivare un tavolo comune tra gli assessorati all’istruzione e ai trasporti, Ufficio scolastico regionale, parti sociali ed enti locali: una cabina di regia da tempo sollecitata perché è evidente che la ripresa della scuola non può essere affrontata a compartimenti stagni”.

Soluzioni diverse

Per la Cisl Fvg, la soluzione degli orari posticipati se non accompagnata da un’implementazione delle corse disponibili è assolutamente inutile, così come la previsione sulla carta della capienza al 50%, se non ci sono gli adeguati controlli sui mezzi. “Tenendo conto del protrarsi della pandemia e dei numeri ancora alti del contagio, anche nell’ambito scolastico con il 18% di tamponi positivi tra la fine di novembre e gli ultimi giorni di dicembre, è chiaro che il problema scuola rimane drammaticamente aperto: se non si inizia a trovare delle soluzioni ai vari problemi connessi – e il trasporto è uno di questi - si rischia di non uscirne più e di trovarci, ancora una volta, senza un piano realmente efficace e duraturo”.

I numeri

Lo scorso anno stando agli ultimi dati disponibili – si legge nella nota diffusa – gli studenti pendolari sono stati 206mila, di cui 78mila, ovvero più di un terzo, si sono mossi per raggiungere la propria scuola fuori del comune di residenza. Il 43,7% degli studenti si è spostato abitualmente con mezzi pubblici o collettivi (a fronte del 36,6% che ha utilizzato mezzi privati). Tra questi, il 38,1% ha impiegato un mezzo pubblico per affrontare tratte di più di mezz’ora. E’ chiaro che il tema trasporti resta cruciale.
 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Udine usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Anche la Croazia lancia le isole Covid free

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento