Che Natale ci aspetta? Le ipotesi del Dpcm del prossimo 3 dicembre

Il governo Conte prepara una festività inedita per gli italiani, in cui si darà prima una spinta ai consumi e poi si vieteranno i tradizionali cenoni e veglioni. Le regole per gli spostamenti tra regioni e i due decreti ministeriali per i negozi, i centri commerciali, il cenone e il veglione

Immagine dal web

Un Natale in due fasi e un Dpcm che il 3 dicembre allenti la stretta per permettere i consumi delle feste prima di una nuova chiusura generalizzata in programma per il week end del 19 dicembre o per il giorno prima della vigilia. Il governo Conte prepara un dicembre inedito per gli italiani, in cui si darà prima una spinta ai consumi e poi si vieteranno i tradizionali cenoni e veglioni per la paura di lasciar scatenare la terza ondata attraverso il contagio familiare. 

Verso un Natale in due fasi nel Dpcm 3 dicembre?

"Quest'anno purtroppo abbiamo una situazione diversa, che non possiamo certamente pensare avrà delle eccezioni legate al Natale, perché vanificheremmo tutti gli sforzi di queste settimane", ha detto ieri il presidente del Consiglio Superiore di Sanità Franco Locatelli durante il punto stampa di presentazione del bollettino della Protezione Civile. Il governo cercherà di mediare tra le necessità della salute e quelle dei consumi e per questo lavora a un piano che potrebbe prevedere un dicembre in due fasi: prima un allentamento delle misure in programma a partire dal 3 dicembre per consentire lo shopping natalizio; e poi una nuova stretta fino al 10 gennaio in attesa del vaccino che dovrebbe arrivare nell'ultima settimana del mese.

Un Natale senza abbracci

Quello che è in programma è quindi un Natale con i congiunti ma senza abbracci: la cena della vigilia riservata ai parenti più stretti, ovvero ai soli conviventi e le stesse regole (o "forti raccomandazioni") anche per il pranzo di Natale, Santo Stefano, il Capodanno e l'Epifania. Manca però da decidere il come: fino a ieri si pensava alla possibilità di utilizzare due decreti ministeriali per aperture e chiusure, ora si pensa a una modifica più corposa delle regole che comprenda: l'inserimento del divieto di uscire dal proprio comune anche per i territori in zona gialla; la conferma del coprifuoco alle 22 fino a metà mese; l'allentamento della stretta dopo il 3 dicembre per negozi, centri commerciali e ristoranti;  successivamente, un coprifuoco portato alle 23 o alla mezzanotte fino al 19 o al 23 dicembre; 

Il nuovo Dpcm, l'apertura di negozi e centri commerciali e gli spostamenti tra regioni

Il sistema della divisione dell’Italia in tre colori corrispondenti a tre fasce di rischio potrebbe cambiare, se saranno gli scienziati a suggerirlo, ma non prima del prossimo Dpcm che il premier Conte dovrebbe firmare il prossimo 3 dicembre. L'ipotesi del governo, che ieri ha rinnovato le restrizioni per le regioni che erano entrate per prime in zona rossa, è che si arrivi alla data della scadenza dell'ultimo decreto ministeriale con tutta l'Italia in zona gialla o arancione. In quel caso arriveranno gli allentamenti, ovvero: l’orario prolungato dei negozi; la riapertura dei centri commerciali il sabato e nei giorni festivi; l’apertura di bar e ristoranti la sera anche nelle zone arancioni;
il coprifuoco a mezzanotte.

"Le regioni che da due settimane mostrano numeri in miglioramento potranno passare il 27 novembre dalla fascia rossa a quella arancione, ma decideremo anche insieme a loro e in base ad una attenta valutazione dei dati", ha detto ieri il ministro della Salute Roberto Speranza. 

Friuli, Molise e Veneto: tre regioni in bilico

Ci sono tre regioni in bilico perché hanno un rischio moderato ma con una probabilità elevata di passare al rischio alto nel prossimo mese. Sono il Friuli Venezia Giulia, che oggi è arancione, Molise e Veneto, che restano al momento in fascia gialla: tutte e tre hanno oltre il 50% di probabilità di superare le soglie critiche di occupazione dei posti letto in area medica e in terapia intensiva nei prossimi 30 giorni se si mantiene invariata la trasmissibilità del virus. Per questo, dice l'Iss, "si raccomanda alle autorità sanitarie di valutare la possibile adozione di ulteriori misure di mitigazione". 

Il rischio "zona rossa" per il Fvg

Secondo l'agenzia di stampa Ansa, infine, al momento il governo non ha ancora messo mano alle misure ma una delle ipotesi che circola tra i tecnici è che vi possano essere due diversi Dpcm. Uno che copra il periodo dal 4 dicembre fino ai giorni a ridosso di Natale e con il quale dovrebbero essere allentati una serie di divieti per consentire all'economia di respirare e il secondo che dovrebbe invece riguardare nello specifico Natale e Capodanno ed è quello che, secondo il premier, dovrebbe garantire un Natale "sobrio", senza "feste, veglioni, baci e abbracci". Questo dovrebbe contenere le raccomandazioni per il cenone e dovrebbe ribadire il divieto per tutte le iniziative di piazza, la chiusura di locali e discoteche, lo stop alla vendita di fuochi d'artificio, il divieto di fare feste anche nelle abitazioni private. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mille ordini a settimana: nessuno ferma più i friulani del delivery esotico

  • L'omino Michelin sorride ai ristoranti friulani, ecco le stelle 2021 della famosa Guida

  • Da modello a disastro: la lettera di denuncia dei medici del Pronto Soccorso di Udine

  • Coronavirus, oltre 700 contagi e 25 morti: Gimbe ci dà come la regione più in difficoltà

  • Dati in miglioramento: oggi la decisione del governo sul nuovo colore del Fvg

  • Nuovo record di contagi in FVG, oggi 1432 nuovi positivi e 25 morti

Torna su
UdineToday è in caricamento