menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vaccini agli over 80: «i ritardi della Giunta Fedriga fatti risalire al Governo»

Covid: i consiglieri regionali Santoro e Iacop (Pd), «sui vaccini risposte elusive da Riccardi»

Ritardi e problemi nelle prenotazioni: due consiglieri regionali del Partito Democratico presentano interrogazioni all'assessore Riccardi in merito alle vaccinazioni per gli over 80.

«L'assessore Riccardi adotta lo sperimentato metodo di eludere la risposta, quando la domanda è scomoda». Lo afferma la consigliera regionale Mariagrazia Santoro (Pd) esprimendo, in una nota, la sua insoddisfazione per gli elementi forniti dall'assessore alla Salute Riccardo Riccardi alla sua interrogazione sulla vaccinazione per le persone over 80 e per i soggetti fragili.

«Così l'emergenza di tutto il Paese diventa la scusa per quello che non si fa in Friuli Venezia Giulia - continua Santoro - e i ritardi della Giunta Fedriga sono fatti risalire al Governo. Allora siamo certi che dopo gli incontri romani del presidente con i ministri della Lega tutto andrà benissimo. I fatti però non si fanno addomesticare dalle chiacchiere. Lo sanno le nostre famiglie che dovranno peregrinare attraverso il territorio per ricevere il vaccino che avrebbero potuto fare vicino a casa».

Vaccinazioni a domicilio

«È inutile - aggiunge il consigliere Franco Iacop (Pd), autore di un'interrogazione sulle vaccinazioni anticovid a domicilio per anziani over 80 - che l'assessore Riccardi ci ricordi che la Regione "applica il piano adottato dal Ministero della salute", perché già dallo scorso 18 gennaio nella Regione Abruzzo sarà attiva la piattaforma telematica "per la manifestazione di interesse alla vaccinazione anti Covid 19 per gli ultra 80enni, portatori di disabilità (con il loro caregiver) e categorie fragili (in possesso di esenzione per malattia cronica o rara)", come si legge sul sito della Regione governata dal presidente Marsilio. Si poteva fare meglio di quanto indicato dai Ministeri, e qualcuno l'ha fatto, senza nemmeno avere competenza primaria sulla sanità. Inoltre - conclude Iacop - per i casi "fragili" non vengono coinvolti i medici di base che sono già a conoscenza delle patologie e delle difficoltà dei pazienti, invece di affidarli a unità esterne».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, in Friuli continuano a calare ricoveri e contagi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento