Il Sap di Udine dona 500 mascherine e 800 guanti mono uso alla Questura

In arrivo anche barriere anticontagio in plexiglass per la protezione negli uffici

La carenza di mascherine e guanti per proteggere chi in questi giorni lavora in prima linea per tutelare la comunità, nonostante i rischi di infezione da Coronavirus, è ormai nota ed è stata più volte evidenziata dal SAP. L’apparato della Sicurezza Pubblica mai come adesso deve restare efficiente. Sempre più spesso gli appartenenti alle Forze dell’Ordine si trovano ad operare ed intervenire in situazioni dall’alto profilo di rischio, nelle quali, molte volte, è inevitabile entrino in contatto con cittadini, senza essere in grado di conoscerne le reali condizioni fisiche. Ogni poliziotto è consapevole di quali siano le precauzioni da prendere in questo momento, per salvaguardare la propria salute e quella dell’utenza con cui viene a contatto. Purtroppo però, i DPI in dotazione non sono sufficienti per tutti e devono essere utilizzati con grandissima parsimonia.

Le mascherine

Per questo il SAP di Udine ha voluto contribuire alla salvaguardia ed alla salute dei poliziotti e dell’intera comunità della provincia, con l’acquisto di 500 mascherine e 800 guanti mono uso che sono stati donati alla Questura di Udine, la quale provvederà a consegnare il materiale ai poliziotti che operano in provincia.
Inoltre ha donato anche diverse barriere/divisori in plexiglass che verranno utilizzate negli Uffici dove i colleghi sono a “stretto” contatto con gli utenti e sono però sprovvisti di idoneo sportello con barriera, come ad esempio gli Uffici denunce della Questura, dei Commissariati dipendenti e degli altri Uffici delle Specialità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le protezioni

Le barriere protettive in plexiglass contribuiranno a contenere la diffusione di microrganismi salvaguardando la salute degli operatori, che devono proseguire nell’esercizio delle proprie attività, e dei cittadini che accedono agli uffici dove sono presenti uomini e donne della Polizia di Stato.
Un piccolo gesto che ha come finalità quella di manifestare, in maniera tangibile vicinanza e supporto a tutti i colleghi impieganti sul nostro territorio ed in particolare a quelli attivi in prima linea.
È un momento molto delicato, ed è un imperativo collaborare con l’Amministrazione della Polizia di Stato e non solo, alla ricerca delle soluzioni migliori per la salvaguardia della salute delle donne e degli uomini della Polizia e mantenere sempre efficace il dispositivo di sicurezza sul territorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il ristorante non vuole chiudere e garantisce posti letto a prezzi stracciati

  • La Slovenia chiude nuovamente il confine con l'Italia, anche il Fvg è considerato zona rossa

  • Coronavirus, 334 contagi e tre morti: c'è anche una donna di 41 anni

  • Coronavirus, positivi alla Quiete, in ospedale a Palmanova, Udine e San Daniele

  • Fedriga e l'allarme Dpcm: "Spariranno migliaia di attività economiche"

  • Caffè, brioche, aperitivo e pizza tutto sullo stesso tavolo: la singolare protesta di un ristoratore udinese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento