Confartigianato Fvg: contributi regionali promossi, esclusi però troppi settori

Tilatti: "Fuori dagli aiuti a fondo perduto oltre 1000 imprese del territorio. Auspichiamo che la Regione trovi il modo per sostenerle"

Il presidente di Confartigianato, Graziano Tilatti, commenta così la delibera con cui la Giunta regionale oggi ha individuato le categorie per il riparto dei 18 milioni di euro a fondo perduto stanziati per sostenere il tessuto produttivo colpito dalle conseguenze della seconda ondata epidemica. 
Rimasti al palo: odontotecnici, lavorazioni della carne, altra stampa (legata alle manifestazioni), il mondo della moda made in Italy. “Regione e Stato trovino la via per intervenire a favore anche di queste realtà».
«Senz’altro positivo ciò che la Regione ha deciso, recependo anche un’indicazione artigiana, ma purtroppo non sono state ricomprese alcune attività importanti che scontano le conseguenze delle chiusure e limitazioni imposte dall’ultimo Dpcm o direttamente o perché parte di filiere il cui terminale è chiuso. Auspichiamo che la Regione trovi i modi per sostenerle, perché coinvolgono persone che stanno restando senza lavoro». 
Così il presidente di Confartigianato Fvg, Graziano Tilatti, ha commentato l’elenco delle attività cui la Giunta guidata dal presidente Massimiliano Fedriga ha deciso di far arrivare i 18 milioni a fondo perduto stanziati nell’assestamento d’autunno per far fronte alla recrudescenza della pandemia e alle conseguenze sulle attività produttive. 
La destinazione dei fondi è stata decisa oggi con delibera della Giunta regionale, dopo che la scorsa settimana l’assessore alle Attività produttive, Sergio Bini, aveva incontrato tutte le rappresentanze datoriali per avere evidenza di tutte le categorie interessante dalle nuove restrizioni. “La Regione ha inserito i produttori di gelato come avevamo richiesto – spiegaTilatti -, ma ha escluso le attività che si occupano della lavorazione della carne, gli odontotecnici, le aziende che si occupano di realizzare campagne pubblicitarie, il codice che riunisce l’”altra stampa” e tutto il settore della moda e del made in Italy, settore che abbiamo invece posto all’attenzione della Giunta». Si tratta di comparti che complessivamente contano quasi 1000 imprese in Friuli Venezia Giulia. Sono espressione di settori che, aggiunge il presidente di Confartigianato Fvg Tilatti, «non sono stati ricompresi nel decreto Ristoro bis del Governo né dalla Regione e quindi ora dovranno accollarsi interamente le conseguenze di questo nuovo lockdown. Dietro all’aridità dei Codici Ateco ci sono persone che stanno subendo una nuova mazzata, perché direttamente coinvolte o all’interno di una filiera il cui canale di sbocco è chiuso. L’appello è a che Regione e Stato trovino la via per intervenire a sostegno anche di queste realtà», conclude Tilatti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto lungo la strada regionale: perde la vita una donna

  • Mille ordini a settimana: nessuno ferma più i friulani del delivery esotico

  • L'omino Michelin sorride ai ristoranti friulani, ecco le stelle 2021 della famosa Guida

  • Vaccino anti Covid-19, ecco il piano del Friuli Venezia Giulia

  • Dati in miglioramento: oggi la decisione del governo sul nuovo colore del Fvg

  • Nuovo record di contagi in FVG, oggi 1432 nuovi positivi e 25 morti

Torna su
UdineToday è in caricamento