Martedì, 26 Ottobre 2021
Attualità

AstraZeneca: oggi la decisione dell'Europa per far ripartire la campagna vaccinale

L'Agenzia del Farmaco (Ema) verso un sì condizionato. La ripresa delle immunizzazioni potrebbe arrivare a breve, con l'indicazione di alcuni eventi avversi tanto rari da non avere rilevanza statistica

Caso AstraZeneca: oggi dovrebbe arrivare il parere dell'Ema, l'Agenzia europea del farmaco, in merito alla ripresa delle somministrazioni. L'impressione è che si vada verso il "sì", nonostante permanga il rischio che alcune categorie vengano escluse. 

Oggi, giovedì 18 marzo, la direttrice esecutiva dell'Agenzia Europea del Farmaco (Ema) dal quartier generale di Amsterdam renderà note le risultanze delle indagini sui sette casi di trombosi del seno cerebrale o trombosi venosa cerebrale in Germania e sul presunto collegamento con l'immunizzazione. 

L'ipotesi più probabile è che arrivi un giudizio positivo ma accompagnato dall'indicazione degli eventi avversi (un totale di 11 casi su 5 milioni di vaccinati) per i quali non è possibile né escludere né dimostrare un collegamento con la vaccinazione. Per questo l’Ema potrebbe decidere di inserire nel foglietto illustrativo del farmaco l’eventualità di effetti collaterali, sebbene tanto rari da non avere rilevanza statistica

Ieri il professor Marco Gambacciani della Società italiana Menopausa ha commentato: "Non si può dare per scontato che il vaccino AstraZeneca sia associato a episodi di trombosi, nè si può dare per scontato che il vaccino determini ipercoagulabilità del sangue perchè non è dimostrato da nessuna evidenza scientifica. È davvero dannoso generare confusione e paure". E ha concluso: "Al momento l'unica evidenza che abbiamo è che nel Regno Unito l'unico effetto collaterale del vaccino è stato quello di ridurre di cento volte la mortalità per Covid". 


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

AstraZeneca: oggi la decisione dell'Europa per far ripartire la campagna vaccinale

UdineToday è in caricamento