Confindustria Udine acquista 18 mila tamponi rapidi per le imprese associate

Anna Mareschi Danieli: “Non è esattamente la nostra mission, ma dobbiamo essere flessibili e tempestivi nel rispondere a qualsiasi necessità dei nostri associati”    

Confindustria Udine acquista e distribuisce 18 mila tamponi rapidi per le imprese associate. L’Associazione degli industriali di Udine diventa così una centrale d’acquisto per le aziende del territorio che, tramite apposite convenzioni con personale sanitario, potranno somministrare ai lavoratori i test per ottenere in tempi veloci risposte sulla situazione del contagio nei siti produttivi.

Questa – spiega la presidente Anna Mareschi Danieli non è esattamente la nostra mission, ma dobbiamo essere flessibili e tempestivi nel rispondere a qualsivoglia necessità dei nostri associati. Del resto, non è la prima volta che accade”.

Già nel mese di marzo, infatti, le imprese industriali hanno cominciato ad organizzarsi per minimizzare il rischio da contagio. Lo hanno fatto applicando i Protocolli sicurezza anti Covid, adeguandoli alle loro situazioni aziendali, riorganizzando il lavoro, i tempi, gli spazi, facendosi carico di nuove ed indispensabili spese per mascherine, igienizzanti, pulizie e sanificazioni.

Fin dall’inizio della pandemia – sottolinea la presidente -, abbiamo cercato di fare la nostra parte, muovendoci autonomamente per far fronte alle necessità di prevenzione e sicurezza sui luoghi di lavoro. La stessa Confindustria Udine, pur non essendo questa la sua attività caratteristica, è diventata una centrale d’acquisto per mascherine e gel igienizzante a beneficio soprattutto delle piccole e medie aziende associate, che non riuscivano a reperire sul mercato tali presidi di sicurezza”. 

Lo abbiamo fatto – prosegue Anna Mareschi Danieli - per poter continuare a lavorare, certo, perché questo sta nel Dna delle imprese, ma lo abbiamo fatto e continuiamo a farlo perché le imprese sanno che la salute e la sicurezza dei lavoratori sono le priorità su cui basare tutte le proprie azioni. La centralità delle risorse umane è un caposaldo della nostra cultura d’impresa, un obbligo morale prima che una prescrizione di legge. Allo stesso modo, ci siamo mossi ora per i tamponi rapidi. A seguito di approfondimenti e di concerto con Confindustria Friuli Venezia Giulia, Confindustria Alto Adriatico e tutte le sigle sindacali regionali e territoriali, si è deciso di optare per i tamponi rapidi che assicurano le seguenti prestazioni: sensibilità 96,52%, specificità 99,68%, risultati in 15 minuti dall’esecuzione del prelievo e lettura visiva del risultato”. 

La distribuzione alle singole imprese che avevano prenotato i 18 mila kit si è appena conclusa, ma già si annunciano nuovi acquisti. “A breve – conclude la presidente di Confindustria Udine -, data la necessità manifestata dalle aziende, provvederemo all’acquisizione di altri test ”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm e spostamenti verso i congiunti fuori regione: cosa succede dal 16 gennaio

  • Il Fvg è arancione: ecco tutte le regole in vigore da domenica 17

  • Verso la zona arancione: cosa cambia in Friuli Venezia Giulia e da quando

  • La "nuova era" finisce presto, stop alla produzione della birra friulana Dormisch

  • Coronavirus in Fvg, 20 vittime e 739 ricoveri: numeri drammatici

  • Casa completamente a fuoco in zona Udine Nord

Torna su
UdineToday è in caricamento