Niente cassa integrazione: un'azienda paga da sola gli stipendi per non pesare sullo Stato

Il Gruppo Mabi di San Daniele del Friuli ha deciso di sostenere interamente i costi per 8 settimane. L'azienda inoltre donerà 100mila euro all'ospedale Sant'Antonio

La sede del Gruppo Mabi International

In un momento di grande difficoltà economica per i singoli e per la comunità, un'azienda friulana ha fatto un grande atto di responsabilità collettiva, per non gravare sulle casse dello Stato già pesantmemente colpito. L'azienda di moda Mabi International di San Daniele del Friuli, ha deciso che non farà ricorso, per un massimo di 8 settimane complessive a partire dal 16 marzo e fino al 31 agosto, alla Cassa Integrazione Straordinaria legata al Corona Virus. 

La scelta

Il Gruppo Mabi International ritiene che un’azienda debba essere consapevole e responsabile nei confronti dei propri clienti, dei propri fornitori, dei propri collaboratori, del proprio territorio e dell’intera società. Pertanto Mabi ha deciso, nell’ambito della lotta che vede tutti noi impegnati contro il COVID19, di svolgere completamente quella che ritiene essere la propria parte.

L’azienda comunica infatti che a tutti i collaboratori, sia diretti che somministrati, in tutto circa 250 persone sulle tre sedi produttive di San Daniele del Friuli, di Scandicci e di Albignasego, sarà tuttavia garantito per intero il percepimento dei salari spettanti.
Il costo di tale operazione sarà sostenuto interamente e direttamente dal Gruppo Mabi, al fine di non pesare, nel suo piccolo, sulle casse dello Stato Italiano che ad oggi ha certamente priorità più stringenti a cui fare fronte con i fondi dei quali dispone.

La donazione

La realtà sandanielese ha anche deciso di donare 100.000 euro all’Ospedale Sant'Antonio di San Daniele del Friuli perché possa utilizzarli anche per meglio fare fronte all’emergenza sanitaria nella quale ancora versiamo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ragioni etiche

La ragione di tale scelta è di natura etica, e il gruppo intende darne pubblica visibilità e comunicazione esclusivamente al fine di stimolare altre aziende altrettanto solide dal punto di vista economico ad ingaggiarsi per fare anch’esse la loro parte, ognuna per quanto nelle proprie possibilità.
Mabi International ha dichiarato di essere convinta del fatto che cercare di fare il massimo per salvaguardare la salute quanto la stabilità economica dei suoi collaboratori e delle loro famiglie, di tutti i partners commerciali e più in generale prendersi cura della società e del territorio nel quale opera siano i principali e più importanti doveri di tutte le aziende e che debbano essere il vero ed ultimo scopo di ogni organizzazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuove regole da stasera: cosa succede per scuole, bar e ristoranti

  • A Codroipo apre "Molo12", il ristorante di pesce di uno chef stellato

  • Covid: C'è una vittima ed è boom di contagi, in Fvg oggi sono 219 i nuovi positivi

  • Fedriga: "Misure restrittive proprio per evitare un nuovo lockdown"

  • Bar aperti oltre la mezzanotte, c'è una prima "vittima" delle nuove regole

  • Annullate le sagre, ma a Udine c'è un posto dove poter mangiare castagne con la ribolla

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento