Coronavirus, allerta massima di Fedriga: «I casi di contagio ci allarmano molto»

Il presidente del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, è intervenuto a margine dell'inaugurazione dell'anno giudiziario amministrativo, commentando la vicenda di Lodi

Medici e infermieri all'ospedale di Codogno (foto Ansa)

"Al momento non ci sono segnalazioni" in Friuli Venezia Giulia in merito a contagi da coronavirus ma "stiamo portando avanti tutti i controlli in regione, è chiaro che questi casi tra la popolazione residente in Italia ci allarmano molto" Lo ha detto il presidente del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga. Parlando a margine dell'inaugurazione dell'anno giudiziario del Tar a Trieste, Fedriga ha ricordato che "avevamo chiesto i controlli via terra" per contenere la diffusione del virus "e allo stato attuale non abbiamo ancora una risposta chiara e fattiva. Capisco le difficoltà", ma "è necessario superarle perché questo vuol dire tutelare i cittadini".

Più collaborazione

Gli scali aeroportuali europei, ha sottolineato il governatore, "non fanno i controlli e noi siamo in un contesto nel quale le frontiere non ci sono e chi atterra in Francia, Slovenia e Austria può muoversi liberamente". Ora, ha aggiunto, "mi auguro che ci sia il massimo intervento. C'è stata una grande collaborazione in questi giorni tra Regione e Ministero della Salute, e mi auguro che ci sia ancora, perché alle volte" il contributo tecnico delle Regioni "viene svilito da una componente politica aprioristica". Il riferimento è alla proposta avanzata da alcuni governatori per potenziare le misure di contenimento di diffusione del coronavirus nelle scuole, su cui "i tecnici ci hanno dato ragione": ci sono state "strumentalizzazioni da parte di qualche parlamentare", da "evitare quando si tratta di salute dei cittadini", ma "abbiamo dimostrato che non c'era nulla di razzista e xenofobo ma assolutamente di concreto responsabile".

Gli accorgimenti

Le due cliniche di malattie infettive, a Trieste e a Udine, hanno monitorato finora venti persone – quattro delle quali per la tipologia dei sintomi denunciati, le altre in quanto familiari – e tutte hanno dato esiti negativi. L'Amministrazione regionale rende noto che per quanto riguarda i
voli, sia domestici che internazionali, sono state controllate complessivamente 8500 persone, mentre all'attività portuale si applica la seconda procedura Medevac – evacuazione medico sanitaria – destinata ai potenziali sospetti infetti, che al momento non sussistono. Gli scali sono attrezzati con tutti i dispositivi, le ambulanze e le strutture di biocontenimento previste dal protocollo di prevenzione. In generale, il Friuli Venezia Giulia, dopo aver attivato dal 25 gennaio tutte le procedure di emergenza del servizio sanitario regionale, aderisce alle misure cautelative disposte dal Ministero della Salute e il sistema del 112 è collegato al numero nazionale 1500 messo a disposizione per l'emergenza coronavirus.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Novelli

Di controlli via terra ha parlato anche il deputato cividalese di Forza Italia Roberto Novelli. "I casi di coronavirus diagnosticati in Lombardia impongono misure più stringenti, che prevedano controlli non solo per chi arriva dalle zone di contagio direttamente via aereo, ma anche con scali intermedi, via nave e via terra". "Sino a qualche anno fa – ha aggiunto – eravamo sottoposti a controlli ad ogni frontiera, farlo oggi per un periodo transitorio non va considerata una limitazione della libertà, ma una misura cautelare. Irresponsabile alimentare allarmismi, ma altrettanto irresponsabile sarebbe sottovalutare i rischi".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A Codroipo apre "Molo12", il ristorante di pesce di uno chef stellato

  • La Slovenia chiude nuovamente il confine con l'Italia, anche il Fvg è considerato zona rossa

  • Covid 19: quattordicenne ricoverato a Udine in Medicina d'urgenza

  • Covid: C'è una vittima ed è boom di contagi, in Fvg oggi sono 219 i nuovi positivi

  • Annullate le sagre, ma a Udine c'è un posto dove poter mangiare castagne con la ribolla

  • Coronavirus: 90 nuovi casi, tre decessi, due focolai a Martignacco e Gradisca

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento