rotate-mobile
Venerdì, 27 Gennaio 2023
clima

Nel 2100 il Friuli avrà il clima della Sicilia di oggi

Il dato è emerso durante il Forum clima, agricoltura e sostenibilità in Friuli Venezia Giulia

L'andamento dei principali parametri e fenomeni climatici (tra cui temperatura, piovosità, gelate e grandinate) nei vari periodi storici e le previsioni nel breve, medio e lungo periodo, ci indica che, in caso di inerzia termica, la nostra regione potrebbe presentare, entro il 2100, un clima analogo a quello attuale della Sicilia. Questo è quanto è emerso dal convegno annuale organizzato dal Collegio dei Periti Agrari e Periti Agrari Laureati del Fvg, che hanno analizzato i rapporti tra cambiamenti climatici, l’agricoltura e la sostenibilità. I relatori intervenuti hanno tracciato un quadro esaustivo sulla situazione del clima, sulle cause delle sue alterazioni e sulle possibili misure di adattamento e mitigazione attuabili in questo territorio. Dopo gli interventi di Enos Costantini, divulgatore di cultura agraria, e di Fabrizio Goffredi della Fondazione Agrifood e Bioeconomy Fvg, Andrea Cicogna, esperto di monitoraggio del clima di Arpa Fvg, ha descritto l’andamento dei principali parametri e fenomeni climatici, sottolineando come la nostra regione, come tutte le altre, sarà di fronte a profondamenti mutamenti del clima. 

Stefano Bongiovanni, direttore dell’area tecnica del Consorzio di Bonifica della Pianura Friulana, ha descritto le strategie finalizzate alla razionalizzazione dell’uso della risorsa idrica su scala comprensoriale, citando i numerosi progetti di ammodernamento della rete irrigua, volti a convertire il sistema di distribuzione da scorrimento superficiale a “pluvirriguo”. Quest’ultimo sistema presente attualmente in misura del 67 per cento delle superfici agricole regionali, determina un risparmio idrico del 50 per cento. Durante l’incontro si è pure ricordata l’elezione di Giovanni Cattaruzzi, (presidente del Collegio Fvg per 11 anni), a componente del Consiglio del Collegio Nazionale, con il sostegno dei Collegi del Friuli VG e del Veneto, e presentato ai membri del Collegio regionale (che conta 380 iscritti) il nuovo presidente, Luigi Pravisani eletto alla carica nel settembre 2022. Pravisani, proveniente dal mondo della scuola e dell’Università, è un libero professionista esperto in tematiche ambientali. L’appuntamento svoltosi a Udine, infine, ha rappresentato l’occasione per consegnare due targhe per meriti professionali e didattici al perito agrario Paolo Del Zotto e a Marco Fragiacomo, dirigente scolastico dell’Istituto Tecnico Agrario “Brignoli”, di Gradisca d’Isonzo. Ai lavori hanno partecipato anche Bernardino Lattarulo, coordinatore della Gestione Separata della Cassa di Previdenza Enpaia e il presidente del Consiglio Nazionale, Mario Braga.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nel 2100 il Friuli avrà il clima della Sicilia di oggi

UdineToday è in caricamento