«Troppi comportamenti scorretti in montagna, serve un decalogo per il turista»

Coldiretti Fvg lancia un appello contro il turismo montano irresponsabile

A lanciare l'appello è Coldiretti Fvg: turisti irresponsabili in montagna hanno bisogno di essere educati.

Comportamenti sbagliati

L’anno scorso, ricorda la Coldiretti del Friuli Venezia Giulia, l’episodio più eclatante a Resia: un pastore tedesco spaventa un gregge, ottanta pecore finiscono in un dirupo e muoiono. Anche nelle ultime settimane, tuttavia, non sono mancati, nelle zone di montagna, cani lasciati liberi, motociclisti indisciplinati che imboccano i sentieri, ciclisti che fanno altrettanto in zone vietate anche alle due ruote.

Comportamenti, quelli dei turisti, che creano preoccupazione negli agricoltori dell’Alto Friuli. «È un problema principalmente di educazione e di rispetto – sottolinea il presidente regionale della Coldiretti Michele Pavan –. Il turismo è fondamentale per la nostra economia e anche in quest’anno particolare, segnato dalla pandemia, le presenze in montagna sono servite a contenere la crisi di tante nostre aziende. Ma è anche giusto pretendere che gli ospiti si muovano nel territorio senza arrecare danni, facendo in particolare attenzione agli animali, bovini e ovicaprini, che sono principale fonte di sostentamento delle aziende».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La presenza dei turisti

«Se i turisti vanno in montagna, e sono naturalmente i benvenuti – aggiunge il presidente della Coldiretti Udine Gino Vendrame –, è perché qualcuno ha preparato loro un ambiente incontaminato. Il principio chiave, per tutti, dev’essere quello di rispettare chi vive e lavora a contatto con la natura. Ne va del bene di tutti i presenti».
Una segnalazione, quella della Coldiretti Fvg, mirata a sensibilizzare chi porta ricchezza in montagna, ma che deve necessariamente tenere conto delle legittime esigenze degli agricoltori, chiamati a custodire gli animali per il loro benessere, ma anche per evitare che essi possano arrecare danno. Una situazione dunque delicata che spinge Pavan, nel ruolo di presidente regionale, a proporre la disponibilità della Coldiretti Fvg, in collaborazione se possibile con Promoturismo e Cai, «per la realizzazione di un decalogo, da preparare entro la prossima stagione estiva, con un elenco di indicazioni che possano servire al turista per un più corretto comportamento».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Slovenia chiude nuovamente il confine con l'Italia, anche il Fvg è considerato zona rossa

  • Covid 19: quattordicenne ricoverato a Udine in Medicina d'urgenza

  • Covid: C'è una vittima ed è boom di contagi, in Fvg oggi sono 219 i nuovi positivi

  • Coronavirus, 334 contagi e tre morti: c'è anche una donna di 41 anni

  • Coronavirus, positivi alla Quiete, in ospedale a Palmanova, Udine e San Daniele

  • Il ristorante non vuole chiudere e garantisce posti letto a prezzi stracciati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento