menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pretende i forni crematori per i migranti, poi chiede scusa

Giuliano Felluga, capo della Protezione civile di Grado, propone la sua soluzione al problema dei richiedenti asilo e poi fa marcia indietro: "Uno sfogo senza pensare"

"Non preoccupatevi, stiamo organizzando gli squadroni della morte e nel giro di due giorni riportiamo la normalità... Quattro taniche di benzina e si accende il forno crematorio, così non rompono più". È così che Giuliano Felluga, capo della Protezione civile di Grado, pensa di risolvere il problema dei migranti in Friuli Venezia Giulia, scrivendo la soluzione su Facebook, in risposta a due utenti e sotto al post di Ilaria Cecot, ex assessore provinciale di Gorizia e tra i leader regionali del movimento delle "Sardine".

felluga-2-2

Sono poi arrivate, sempre via social, le scuse. "Uno sfogo senza pensare" ha commentato Felluga. Viene da chiedersi cos'avrebbe scritto se ci avesse pensato.

Schermata 2020-08-04 alle 14.26.02-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, quasi 700 contagi e 22 decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento