rotate-mobile
Martedì, 7 Febbraio 2023
verità e giustizia

Caso Regeni, Tajani: "L'Italia continuerà a cercare la verità"

Le parole del Ministro degli Esteri a margine della Conferenza sui Balcani di Trieste: "Sul caso Regeni nessun tentennamento"

Ricorre oggi, mercoledì 25 gennaio, il settimo anniversario della scomparsa di Giulio Regeni. Il suo corpo è stato poi ritrovato, con evidenti segni di tortura, il 3 febbraio 2016 ai bordi dell’autostrada “Il Cairo – Alessandria”. Da quel giorno la famiglia Regeni cerca e pretende verità e giustizia. Per il governo italiano la verità su Giulio Regeni rimane una priorità. Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri Antonio Tajani, a margine della Conferenza sui Balcani di Trieste, menzionando la sua recente visita in Egitto nel corso della quale ha chiesto al presidente egiziano e al ministro degli Esteri di collaborare per trovare una soluzione che permetta di punire i colpevoli al termine di un processo. Tajani ha quindi spiegato di aver accolto positivamente la risposta del presidente al-Sisi, il quale ha sollevato per primo il problema Regeni e ha dichiarato di essere disposto a fare il possibile per togliere tutti gli ostacoli che creavano problemi nelle relazioni tra Italia ed Egitto. "Ora vedremo se alle parole seguiranno i fatti", ha sottolineato. Per il ministro non ci sono dubbi, "l'Italia continuerà a cercare la verità senza alcun tentennamento", a patto che "non ci siano strumentalizzazioni politiche da parte di altri". "Continueremo a insistere per far luce su tutto ciò che è accaduto e che ha portato all'omicidio di un ragazzo italiano che studiava in Egitto", ha concluso. Sul caso Regeni, Tajani risponderà in Parlamento al question time.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso Regeni, Tajani: "L'Italia continuerà a cercare la verità"

UdineToday è in caricamento