Martedì, 26 Ottobre 2021
Attualità

Un po' di Friuli al Polo Nord: due piccoli eschimesi parlano in marilenghe

Momenti di divertimento e svago per tutti i bambini con Horaci L'inuit, il nuovo cartone animato tradotto in friulano

Friulano e rispetto per l'ambiente. Ruotano intorno a questi due temi principali le avventure di due piccoli eschimesi, Horaci e Sedna, che, al Polo Nord, cercano di difendere il loro ecosistema unico, pieno di orsi polari, igloo, kayak e sciamani. Il cartoon, pensato per i bambini dai 3 ai 6 anni, ma coinvolgente anche per bambini più grandi, è una co-produzione dell’ARLeF - Agjenzie Regionâl pe Lenghe Furlane, e Telefriuli, su licenza di Videoplugger Ltd. La prima serie, già vista in spagnolo e inglese, conta trentacinque puntate che nella versione friulana sono state curate da Delta Studios e CSS Teatro stabile di innovazione del FVG, grazie alla direzione del doppiaggio di Rita Maffei.

Questa non sarà però l'unica novità della sesta edizione di Maman! che andrà in onda dall'otto ottobre, e fino a giugno, tutti i venerdì alle 18 e trenta, e in replica la domenica alle 7 e alle 13. In programma ci sono infatti ben due nuove rubriche: Il moment de poesie e La cusine Bete. Quest’ultima è l'eccentrica e colorata cugina di Daria Miani, alias Daria stessa, confermata alla conduzione e accompagnata dal suo fedele gatto Vigji. Ma Bete è anche un'appassionata di video-tutorial e interverrà durante le puntate per insegnare ai bimbi moltissime cose: come allacciarsi le scarpe, fare un braccialettino con le margherite, fischiare, fare una treccia, lavarsi i denti, fare un origami e molto altro. In ogni puntata, poi, non mancherà uno spazio fisso dedicato anche ad altri cartoni animati e uno per le video-canzoni per ballare e cantare in friulano. Immancabili poi le rubriche La pueste di Maman! che darà risposta alle curiosità dei piccoli telespettatori. E poi Leìn insiemi, uno spazio per la lettura con l'obiettivo di promuovere e incentivare quella in lingua friulana sia nelle scuole che nelle famiglie. Per finire Un pâr di barzaletis e Fasìn un zûc. Attraverso divertimento, narrazione e gioco, obiettivo di Maman! è quello di esporre i bambini al plurilinguismo e ai comprovati vantaggi cognitivi che derivano dall’utilizzo di più lingue fin dalla più tenera età. 

Le dichiarazioni

"La cosa che più mi ha colpito di quest’esperienza – ha sottolineato Rita Maffeiè che abbiamo creato, anche grazie alla consulenza dell’ARLeF e dello Sportello per la lingua friulana, uno straordinario gruppo di lavoro e questo nonostante a causa della pandemia siamo stati costretti a lavorare in piccoli gruppi. La lingua friulana ha funzionato benissimo e gli attori sono riusciti a donare ai simpaticissimi personaggi le giuste voci. Prezioso poi l’adattamento di Barbara Bregant e la post-produzione di Vittorio Vella""Horaci l'Inuit in friulano è un successo per tutti: per la produzione, per gli autori, il regista e per la nostra azienda, da sempre sensibile alle produzioni in lingua minoritaria come questa, realizzata dalla Radiotelevisione pubblica della Catalogna" – ha fatto sapere Emanuele Galloni, amministratore di Videoplugger.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un po' di Friuli al Polo Nord: due piccoli eschimesi parlano in marilenghe

UdineToday è in caricamento