Attualità

Coronavirus, oltre 700 contagi e 25 morti: Gimbe ci dà come la regione più in difficoltà

Salgono a 62 i pazienti in cura in terapia intensiva e a 637 i ricoverati in altri reparti

Oggi in Friuli Venezia Giulia sono stati rilevati 736 nuovi contagi (il 10,71 per cento dei 6.870 tamponi eseguiti) e 25 decessi da Covid-19. Le persone risultate positive al virus in regione dall'inizio della pandemia ammontano in tutto a 31.386, di cui: 7.433 a Trieste (più 169), 13.875 a Udine (più 357), 5.899 a Pordenone (più 131) e 3.803 a Gorizia (più 70), alle quali si aggiungono 376 persone da fuori regione. I casi attuali di infezione risultano essere 14.847. Salgono a 62 i pazienti in cura in terapia intensiva e a 637 i ricoverati in altri reparti. I decessi complessivamente ammontano a 863, con la seguente suddivisione territoriale: 309 a Trieste, 329 a Udine, 184 a Pordenone e 41 a Gorizia. I totalmente guariti sono 15.676, i clinicamente guariti 379 e le persone in isolamento 13.769.

Il grafico Gimbe

WhatsApp Image 2020-12-01 at 17.58.55-2

Come si interpreta il grafico

L’incrocio dei quadranti indica i valori medi a livello nazionale.

L’asse orizzontale indicato i nuovi casi (incidenza) per 100.000 abitanti nelle ultime 2 settimane. Questo valore permette di stimare quanti casi, in un determinato periodo, sono positivi e potrebbero quindi trasmettere il contagio. L’asse verticale rappresenta l’incremento percentuale dei casi nell’ultima settimana. Questo valore indica la velocità di crescita dei nuovi casi.

Pensando all’immagine di un lavandino, l’asse orizzontale indica la quantità di acqua contenuta nel lavandino (casi positivi in un determinato periodo, quindi i soggetti infetti e potenzialmente contagianti). L’asse verticale indica la velocità con cui l’acqua fuoriesce dal rubinetto. Più la vasca del lavandino è piena, più è alto il potenziale di circolazione del virus. Più velocemente esce l’acqua dal rubinetto, maggiore è il rischio che le misure di prevenzione adottate non siano efficaci.

Nei riquadri rosso e verde si posizionano le Regioni con numero di nuovi casi per 100.000 abitanti nelle ultime 2 settimane e incremento percentuale dei casi nell’ultima settimana, rispettivamente, superiori e inferiori alla media nazionale.

Nel riquadro giallo si collocano le Regioni con valori superiori alla media nazionale per nuovi casi per 100.000 abitanti nelle ultime 2 settimane (quindi con la vasca del lavandino più piena), ma con un incremento percentuale dei casi nell’ultima settimana inferiore alla media nazionale (l’acqua esce dal rubinetto meno velocemente).

Nel riquadro arancione si trovano le Regioni con valori inferiori alla media nazionale per nuovi casi per 100.000 abitanti nelle ultime due settimane (il contenuto di acqua nella vasca è minore), ma l’incremento percentuale dei casi nell’ultima settimana è superiore alla media nazionale (ovvero dal rubinetto fuoriesce l’acqua più velocemente con il rischio di strabordare nel riquadro rosso).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, oltre 700 contagi e 25 morti: Gimbe ci dà come la regione più in difficoltà

UdineToday è in caricamento