Attualità

Attacchi informatici, aumentati del 400 per cento in Friuli durante la pandemia

Aziende, servizi pubblici e privati non hanno adeguati sistemi di cyber security e sono esposti a furti di dati sensibili

Oggi è diventato necessario digitalizzare i processi, i dati e le informazioni, anche le più sensibili di tutti gli enti pubblici e privati. La dematerializzazione delle informazioni deve essere supportata. però, da strategie di cyber security efficaci e all'avanguardia. Le aziende private e gli enti pubblici, sono sottoposte a diversi attacchi hacker: Solo nel peridodo della pandemia, in Friuli Venezia Giulia, queti attacchi si sono quintuplicati. I pirati informatici mirano a rubare dati sensibili per poi rivenderli al miglior offerente. Come sembra sia successo al sistema sanitario regionale.

Attacco alla sanità del Friuli Venenzia Giulia

Oppure  rendono inaccessibile un sistema e po chiedere il pagamento di un riscatto per sbloccarlo. Come è accaduto quest'estate alla  banca dati del sistema sanitario regionale del Lazio. I cyber criminali, ormai, riescono a “bucare” sistemi insospettabili, sia di aziende private, sia di enti pubblici. 

In Friuli

"La sicurezza dei dati in azienda è soprattutto cultura e consapevolezza dei modi corretti per gestirli. Un tema cruciale per lo sviluppo e la crescita delle imprese friulane nel prossimo futuro e su cui bisognerà fare sempre più attenzione. Fortunatamente nella nostra regione possiamo contare su alcuni tra i migliori esperti in materia" afferma Francesco Contin del Ditedi. La partita è così delicata e fondamentale che, ad esempio, tra i laboratori avveniristici avviati al Lab Village Uniud c’è quello dedicato a Intelligence e Security. Si occuperà di ricerca e attività applicativa per ottenere risultati innovativi e renderli operativi in tempi rapidissimi, grazie anche alle attrezzature con dotazioni infrastrutturali e strumentali per lo sviluppo di algoritmi di analisi di intelligence. I laboratori lavoreranno in sinergia fra il dipartimento di scienze matematiche, informatiche e fisiche (DMIF) dell’ateneo friulano e aziende ed enti del Friuli Venezia Giulia. "L’obiettivo principale del nostro lavoro – spiega Manuel Cacitti, ethical hacker e coordinatore del laboratorio dedicato alla cybersecurity – è quello di studiare ed implementare sistemi di gestione complessi, per garantire la sicurezza del dato, intesa come riservatezza, integrità e disponibilità, oltre che rispettare la compliance, leggi e norme in modo efficace ed efficiente”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Attacchi informatici, aumentati del 400 per cento in Friuli durante la pandemia

UdineToday è in caricamento